Centro Pagina - cronaca e attualità

Ascoli Piceno

Marche, con Legambiente torna la “Festa dell’Albero”

Edizione numero 26 per l'iniziativa nazionale di Legambiente. «Dare ai ragazzi e alle ragazze un’opportunità concreta di partecipare è il miglior investimento che possiamo fare per il nostro futuro», dice Emiliano Stazio, coordinatore gruppo giovani dell'ente

Torna la festa dell’albero, la campagna di Legambiente si svolge da venerdì 19 fino a domenica 21 novembre e sarà dedicata  al contributo degli alberi nella lotta alla crisi climatica e all’insostituibile ruolo che svolgono per la tutela dell’intero ecosistema e della biodiversità, con il tema “Mostra il tuo lato green”. Numerose le iniziative in tutta le Marche, molte delle quali a cura dei circoli di Legambiente.

«Dopo lo stop forzato dello scorso anno agli eventi in presenza, torna la Festa dell’albero, nel rispetto di tutte le indicazioni relative al covid-19 – ha dichiarato Mariagiulia Lucchettiresponsabile campagne di Legambiente Marche – l’iniziativa ha valenza simbolica, di educare e sensibilizzare sull’importanza del nostro patrimonio verde, ma rientra anche nell’ambito del progetto Europeo Life Terra, un percorso di 5 anni che ha l’importante ambizione di piantare 500 milioni di alberi in tutta Europa, di cui 9 milioni in Italia».

Alcune delle iniziative organizzate nelle Marche vedono anche la collaborazione del coordinamento giovani di Legambiente, che nasce grazie al progetto youth4planet, che mira a mobilitare migliaia di giovani volontari in tutto il Paese, coinvolgendoli e stimolando la citizen science, marchio di fabbrica dell’associazione.

«Ai giovani dell’ambiente importa – ha dichiarato Emiliano Staziocoordinatore gruppo giovani Legambiente Marche – hanno aiutato i nostri circoli nell’organizzazione di alcune delle iniziative della festa dell’albero perché vogliono essere parte attiva del cambiamento del paese. Dare ai ragazzi e alle ragazze un’opportunità concreta di partecipare al dibattito ambientale attraverso una mobilitazione volontaria, consapevole e scientificamente supportata è il miglior investimento che possiamo fare per il nostro futuro»