Centro Pagina - cronaca e attualità

Ascoli Piceno

Giro d’Italia, entusiasmo ad Ascoli per il passaggio della carovana rosa. Vince la tappa lo svizzero Mader

Migliaia di persone ai bordi delle strade per salutare i corridori diretti sul Colle San Giacomo. Una grande festa dello sport e della vita, dopo una gara avvincente. Incidente a un belga senza conseguenze

ASCOLI PICENO – Migliaia di persone oggi pomeriggio ai bordi delle strade e delle piazze di Ascoli per salutare il passaggio del Giro d’Italia. Una straordinaria festa della vita e dello sport, che non si vedeva da oltre un anno a causa del covid. Alle 16,30 alla spicciolata, prima i battistrada poi il gruppone degli atleti hanno attraversato il capoluogo entrando dalla Salaria ad ovest, dopo aver compiuto 150 km massacranti sotto la pioggia e il freddo, tra colline e montagne dell’Appenino centrale.

LEGGI ANCHE: Anche un fanese al Giro d’Italia: è il 25enne Giovanni Carboni, unico marchigiano in gara

Per questo anche appassionati di ciclismo, giovani, anziani, famiglie con bambini al seguito li hanno accolti con grande entusiasmo al loro arrivo nel centro urbano, apprezzando e incitando il loro sforzo. Uno sforzo fisico e mentale d’altri tempi, che doveva però ancora superare l’ultima prova, quella dei 15 km di salita fino al Colle San Giacomo, a 1090 metri di quota.

Giro d'Italia ad Ascoli
Giro d’Italia ad Ascoli

Ma alla fine tutti ce l’hanno fatta, anche se la gloria è andata al vincitore della sesta tappa del Giro: il 24enne svizzero Gino Mader, che è rimasto in fuga con altri 4 corridori dal passo di Forca di Presta, sopra Arquata e dopo due Gran premi della Montagna, fino al rush finale.

Per lui poi, un ultimo km con pendenza al 10% sul San Giacomo di grande sacrificio, al termine di una gara tanto spettacolare quando dura. Tanto più che gli inseguitori erano ormai arrivati a 40 secondi e stavano per riprenderlo. Ma Mader, portacolori della Baharain Victorius, ha stretto i denti e ha tagliato il traguardo da solo. Per la cronaca sportiva un altro giovanissimo, l’ungherese 23 enne Attila Valter, ha conquistato a sorpresa la maglia rosa di leader generale della corsa (crollato e staccatissimo Alessandro De Marchi che la indossava fino ad oggi).

Al di là comunque della bellissima sfida sulle strade marchigiane, tra Frasassi ed Ascoli, è da sottolineare la gioia condivisa ed il clima di allegria che il Giro d’Italia ha riportato nel capoluogo piceno, dopo un anno plumbeo di divieti e chiusure di tutti i generi.
L’unica nota stonata della giornata, è stato l’incidente che proprio durante la salita verso Colle San Marco e poi San Giacomo, ha coinvolto il belga Pieter Serry. Il corridore ha per un attimo rallentato ed è stato colpito e buttato a terra da un’auto, un’ammiraglia di una squadra che lo seguiva a pochi metri di distanza. Per fortuna il belga si è rialzato da solo, senza aver subito conseguenze serie.

Complessivamente per la città di Ascoli, quella di oggi è stata una bella vetrina promozionale che ha esaltato i valori dello sport e della competizione leale, oltre che della socialità ritrovata, speriamo senza nuovi problemi.

Giro d'Italia ad Ascoli