Centro Pagina - cronaca e attualità

Ascoli Piceno

Giovani sotto i fumi dell’alcol: è caos ad Ascoli

Sono molti i ragazzi che, ubriachi, hanno necessitato dell'intervento dell'ambulanza. A San Benedetto del Tronto beccato in giro un 19enne condannato agli arresti domiciliari

La Polizia della questura di Ascoli Piceno

ASCOLI PICENO- Una nottata davvero movimentata quella appena trascorsa tra Ascoli Piceno e San Benedetto del Tronto. Tanti i giovani che hanno abusato d’alcol, così da rendere necessario l’intervento dellambulanza, ad Ascoli, per soccorrere un giovane che non riusciva più a reggersi in piedi.

Un altro ragazzo, ubriaco, è saltato dal Monumento al Pescatore, procurandosi una lesione ad un arto: rischia la denuncia all’autorità giudiziaria.

Una sola lite avvenuto tra ragazzi, dovuta all’esplosione di un petardo fuori a una discoteca, su cui il Commisariato di San Benedetto del Tronto sta indagando anche attraverso la visione dei video registrati dalle telecamere poste lì vicino.

Sorvegliati speciali i locali frequentati dal popolo della movida, con la gran parte dei gestori ormai in linea con la normativa che mira a contenere la diffusione del Coronavirus. Gli addetti alla security sono stati molto impegnati anche a verificare l’età dei giovani che chiedevano di entrare. Ma il rischio che la Questura disponga altre chiusure incombe ancora su un limitato numero di locali, tra cui uno nel centro della Riviera delle Palme che, ormai all’alba, ha continuato a mantenere alzate le serrande e a servire gli avventori. Un corposo dossier è sul tavolo degli investigatori della Divisione Polizia Amministrativa e Sociale, che a breve definiranno la posizione del gestore del locale in questione.

Arrestato un 19enne con una misura cautelare sulle spalle per spaccio: invece di stare a casa agli arresti domiciliari, era in giro per, a suo dire, comprare le sigarette. La Volante che era andata a controllarlo si è accorta della sua assenza. Informato il GIP presso il Tribunale, che ha disposto la traduzione in carcere del malvivente, subito condotto a Marino del Tronto dagli investigatori.

Infine, sempre a San Benedetto del Tronto, una volante ha restituito a una donna la bicicicletta che le era stata rubata qualche giorno prima. La 39enne è stata avvisata del ritrovamento da sua madre che, a sua volta, ha chiamato il 113. I poliziotti hanno accertato che effettivamente la bici era quella restituendola alla proprietaria, che aveva ancora con se le chiavi del lucchetto.