Centro Pagina - cronaca e attualità

Ascoli Piceno

Il gioco degli equivoci nella vita di coppia: al Palafolli di Ascoli in scena la commedia “Da giovedì a giovedì”

Lo spettacolo è in programma sabato 20 novembre. Sul palco la Compagnia Il Focolare di Loreto. Regia di Rita Papa

ASCOLI PICENO – Sabato prossimo 20 novembre nuovo appuntamento con la Rassegna Ascolinscena al Teatro PalaFolli. Sul palco di Ascoli gli attori della Compagnia Il Focolare con la commedia Da giovedì a giovedì.

Opera di De Benedetti scritta nel 1959

Scritta dal commediografo e sceneggiatore Aldo De Benedetti nel 1959, Da giovedì a giovedì racconta una vicenda che ha come protagonista una coppia borghese alle prese con la presenza ingombrante della suocera. La trama offre spunti di riflessione sulla vita di coppia, dall’infelicità coniugale (o presunta tale) scendendo nella psicologia femminile e nella sua difficile comprensione da parte di quella maschile, passando da momenti di ironia a grottesche situazioni divertenti.

Umorismo e fantasie mal interpretate

Nello spettacolo in scena un gioco di equivoci, una fantasia mal interpretata che dà vita a una serie di circostanze dai toni umoristici, in cui tutti i personaggi sono funzionali all’azione scenica: dalla madre di Adriana, Letizia, donna eccentrica e amante del gioco d’azzardo, all’investigatore privato assunto da Paolo per pedinare la moglie nell’arco di una settimana, “da giovedì a giovedì”, per l’appunto.

Il soggetto ripropone i motivi narrativi classici della commedia novecentesca, dal sospetto del tradimento al fraintendimento che sfocia in litigio. Sul palco del Palafolli, guidati da Rita Papa alla regia, saliranno gli attori della Compagnia Il Folocale nata a Loreto nel 1984 e tra le più attive del territorio marchigiano. Lo spettacolo di sabato è in concorso per aggiudicarsi i Premi Ascolinscena che saranno assegnati dagli abbonati e dalla giuria degli organizzatori. La serata delle premiazioni si svolgerà al termine della rassegna nella serata di sabato 12 febbraio 2022.

© riproduzione riservata