Centro Pagina - cronaca e attualità

Ascoli Piceno

Dario Faini (Dardust) “mattatore” a Sanremo con cinque brani composti o prodotti

Il musicista ascolano torna a collaborare tra l'altro con Francesco Renga e Noemi. Nessuna anticipazione sui pezzi da lui firmati per il festival dell'era covid

Dario Faini (Dardust) Foto di Michela Solimando da Wikipedia

ASCOLI – Dario Faini da record a Sanremo. Il musicista ascolano scenderà in campo quest’anno al Festival che inizia il 2 marzo, con cinque brani. Di alcuni sarà l’autore e di altri anche il produttore, chiamato da molti a svolgere questo ruolo per le sue capacità artistiche e creative. Dardust torna intanto a far coppia con Francesco Renga, di cui insieme a Roberto Casalino firmerà il brano «Quando trovo te».

Poi c’è la cantante romana Noemi, che porta sul palco dell’Ariston «Glicine», scritto da Faini insieme Trattoli, Fugazza e Lubrano. Il pianista e compositore di Ascoli, insieme al gruppo “La Rappresentante di Lista” con cui aveva duettato lo scorso anno, ha composto il pezzo «Amare».

Ma non è finita qui. Il giovane cantante toscano Irama sbarcherà a Sanremo con «La genesi del tuo colore», firmata da Faini e Nenna. Infine in lizza c’è anche la 19enne Madame – norme d’arte di Francesca Calearo – che canterà «Voce», di cui il Nostro è autore insieme a Botta.

Cinque pezzi sui quali c’è molta curiosità ma di cui non si sa quasi nulla. Dal l’artista ascolano, che nel 2019 aveva vinto il festival con il pezzo scritto per Mahmood, non arriva alcuna indicazione o commenta. Nemmeno si trattasse del segreto di Fatima. Ma tant’è : non si possono scoprire le carte prima di giocare la partita. Anche se il Sanremo di quest’anno non sarà certo uguale al passato.

L’assenza di pubblico, le polemiche roventi sui social e non solo per i compensi esagerati a conduttori e ospiti e la scelta di farlo comunque, nonostante mezza Italia sia in grande sofferenza per le limitazioni imposte dal rischio covid, non lo farà ricordare per un’edizione unica o speciale.

Comunque sia Dario Faini, che vive a Milano ed è ormai una star di successo internazionale – e forse ha perso il contatto con la realtà sociale di oggi – ha molte chance di fare il bottino pieno anche quest’anno, considerando i tanti cantanti con cui ha collaborato per questo evento. L’importante sarà che i suoi brani piacciano al pubblico, quando dopo il Festival cominceranno ad essere diffusi sui vari canali media e web. Quella sarà la vera vittoria per l’artista ascolano.