Centro Pagina - cronaca e attualità

Ascoli Piceno

Covid, screening di massa a San Benedetto dal 2 gennaio

Le operazioni saranno svolte al Palariviera e al Palasport Speca, anche nei giorni festivi. Per l'Area Vasta 5 dell'Asur una prova generale in vista delle vaccinazioni

tamponi, covid, coronavirus, i positivi, pandemia, emergenza, crisi sanitaria

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – «Operazione Marche Sicure» sbarca a San Benedetto del Tronto. Da sabato 2 gennaio partirà lo screening diffuso nella città delle palme, iniziativa promossa dalla Regione Marche.

Dopo aver coinvolto i capoluoghi di provincia, parte gradualmente anche nei Comuni sopra i 20 mila abitanti il monitoraggio per la prevenzione del contagio da Covid-19.

San Benedetto sarà una delle prime città marchigiane coinvolte nella “Fase 2” della campagna avviata. I cittadini, su base volontaria e in maniera gratuita, potranno effettuare il tampone antigenico rapido in grado di rilevare, in 15-30 minuti, la presenza del virus.

Come per Ascoli, in caso di esito positivo si verrà invitati a sottoporsi a tampone molecolare. Le postazioni, operative dalle 8 alle 13 e dalle 14 alle 19, fino al 7 gennaio, giorni festivi compresi, saranno allestite al Palariviera e al Palasport Speca. Sei le postazioni che verranno attrezzate nella prima struttura e cinque nella seconda.

Possono aderire tutte le persone di età superiore ai 6 anni, residenti o che soggiornano a San Benedetto del Tronto per motivi di lavoro, che dovranno prenotare l’appuntamento collegandosi al sito www.cureprimarie.it. Occorrerà selezionare “Screening popolazione di San Benedetto del Tronto”, oppure scaricando sul proprio smartphone l’APP “Smart4you” da Apple Store o Play Store.

È necessario tenere a portata di mano la tessera sanitaria propria e degli altri familiari per cui si intende prenotare l’appuntamento. È possibile prenotare il test per sé e per un massimo di altre tre persone.

«Sarà una prova generale in vista delle vaccinazioni – sostiene Maria Teresa Nespeca, responsabile del Servizio sanitario locale – e per questo credo che anche i giovani dovrebbero sottoporsi al test».

Ad Ascoli dal 18 al 23 dicembre i tamponi antigenici effettuati nella stessa operazione sono stati complessivamente 11489. Solo 11 quelli che hanno dato esito positivo. Un numero davvero esiguo che conferma come nel Piceno non esista , al momento alcuna emergenza covid.