Centro Pagina - cronaca e attualità

Ascoli Piceno

Ascoli, cinquanta targhe per contrastare l’uso improprio dei parcheggi riservati ai disabili

L'iniziativa è stata promossa dal Lions Club per far leva sul senso civico degli ascolani e fare in modo che nessuno occupi indebitamente i posteggi riservati alle persone con disabilità

L'assessore Massimiliano Brugni con i membri del Lions Club Ascoli Piceno Colli Truentini

ASCOLI – “Vuoi prendere il mio posto? Pensa alla mia disabilità”. È questa la scritta riportata su cinquanta targhe che sono state affisse, sia in centro che nei vari quartieri della città, a ridosso dei parcheggi riservati alle persone disabili. L’iniziativa è stata promossa dal ‘Lions Club Ascoli Piceno Colli Truentini’ per far leva sul senso civico degli ascolani e fare in modo che, leggendo la frase scritta sulla targa, nessuno occupi indebitamente tali posteggi.

Le parole della presidente del Lions Club

«Il nostro obiettivo è appunto quello di disincentivare gli automobilisti all’uso improprio degli stalli destinati ai disabili – conferma Luciana Passaretti, presidente del Lions Club -. Questo progetto è stato promosso in sinergia con la consulta per la disabilità e speriamo che possa sortire gli effetti desiderati. In altre città, ad esempio, le targhe hanno funzionato, suscitando nelle persone una riflessione e stimolando il loro senso di responsabilità. Occupare, seppur per pochi minuti, un parcheggio dedicato ai disabili, può sembrare una cosa da poco, ma vi assicuro che non è così. Perché magari, proprio in quei pochi minuti, si privano altre persone di un loro diritto».

I progetti del Comune

L’iniziativa, appunto, è stata presentata questa mattina a piazza Simonetti, di fronte alla Prefettura, dove è stata collocata una delle cinquanta targa previste. Ad inaugurarla sono stati anche il vicesindaco Gianni Silvestri e l’assessore alle politiche sociali Massimiliano Brugni. «La nostra amministrazione, da sempre, è molto attenta nei confronti delle esigenze delle persone con disabilità – spiega Silvestri -. Infatti, nella convenzione che abbiamo sottoscritto con la Saba è stata ribadita la possibilità, per i disabili, di parcheggiare gratuitamente anche nelle cosiddette strisce blu». «Questa è una battaglia di civiltà e di sensibilizzazione – prosegue Brugni -. La targa, di per sé, è piccola. Ma è in grado di stimolare, in chi la legge, una riflessione enorme. Sono sicuro che, attraverso questa iniziativa, eviteremo l’uso improprio di questi stalli riservati ai soggetti disabili. Inoltre, l’amministrazione comunale e la polizia municipale si stanno prodigando per dare la caccia a quei furbetti che si spacciano per disabili solo allo scopo di ottenere l’apposito pass. Si stanno svolgendo controlli mirati – conclude l’assessore alle politiche sociali – e sanzioneremo coloro che verranno scoperti». All’inaugurazione delle targhe, tra gli altri, hanno partecipato anche Maria Elma Grelli, presidente di zona del Lions Club, e il presidente della consulta per la disabilità Maurizio Cacciatori.