Centro Pagina - cronaca e attualità

Ascoli Piceno

Branco di lupi scorrazza nelle campagne del Piceno. Preoccupazione tra i residenti – VIDEO

Sette lupi si muovono da mesi nei dintorni di Castorano, creando allarme nella zona. Avvertiti i carabinieri forestali e il Servizio Caccia e Pesca della Regione Marche

ASCOLI- Un branco di lupi si aggira nelle campagne vicino a Castorano, 280 metri di altitudine, nella vallata del Tronto. Sono sette esemplari scesi dalle montagne per cercare probabilmente cibo e che sarebbero stati avvistati in diversi terreni della zona, già dall’estate scorsa.

IL VIDEO

Alcuni si sono avvicinati a 300 metri dal centro abitato, senza peraltro venire a contatto con gli abitanti. Ma il branco si tiene in genere a distanza dal paese, e si muove in aree incolte e boschive del territorio comunale, e comunque non controllate da eventuali proprietari.

Secondo i residenti di Castorano, si sposterebbero insieme ai cinghiali che da tempo scorrazzano senza ostacoli nelle campagne del paese e dei dintorni, mettendo in allarme la popolazione. Con il rischio di una proliferazione generale della fauna selvatica che mai si era verificata prima, nel comprensorio locale.

Ma i lupi per il momento, non avrebbero causato danni alle colture locali ed al massimo avrebbero mangiato qualche pecora delle fattorie della zona. E tanto meno avrebbero attaccato le persone che vivono nell’area. «La loro presenza data da molti mesi a questa parte – conferma un dipendente dell’Ufficio tecnico del Comune – non ha provocato rilevanti problemi alle aziende agricole e agli abitanti del paese. E tuttavia si è creata una certa preoccupazione tra la gente, per un fatto insolito e imprevisto».

Il Comune di Castorano ha avvertito da due giorni i carabinieri forestali, la Provincia di Ascoli e il Servizio Caccia e Pesca della Regione Marche. Non è chiaro al momento quali interventi verranno predisposti per evitare conseguenze spiacevoli alla popolazione locale.

«Invito tutti a stare tranquilli e a non allarmarsi – afferma il sindaco Graziano Fanesi. Nei prossimi giorni verranno svolti dei sopralluoghi e si adotteranno delle soluzioni efficaci».

Di certo da molti mesi ormai, molti agricoltori della provincia di Ascoli lamentano una crescita della presenza di fauna selvatica nelle loro aziende, anche situate vicino al capoluogo, chiedendo interventi per evitare continui danni alle colture. Un fenomeno preoccupante, che vede poi cinghiali ed altri animali non solo invadere le campagne dell’entroterra collinare piceno, ma spostarsi anche nelle vicinanze della costa. Con esemplari che di recente sono stati notati anche nel territorio di Grottammare e aree limitrofe.

Episodi insoliti le cui cause devono essere ancora comprese ma che necessitano di un controllo delle autorità per tutelare la salute pubblica e l’incolumità delle persone.