Centro Pagina - cronaca e attualità

Ascoli Piceno

L’Ascoli sfiora la vittoria a Cremona, pareggiando 3-3. Tripletta di Baijc

Match bellissimo, con i bianconeri che falliscono un rigore per andare sul 3-1. Ottima prova del centrocampo ma la difesa è da rivedere

Ascoli.- Primo punto in campionato a Cremona per il nuovo Ascoli di Delio Rossi. La squadra presa in mano dal tecnico riminese da appena due settimane, comincia finalmente a prendere forma. E oggi contro la Cremonese poteva anche vincere, se le cose nel primo tempo si fossero messe nel modo giusto. Ma il rigore sbagliato da Baijc al 38′ ha rimesso in gioco i padroni di casa, che poi hanno ribaltato il risultato prima di subire il pareggio, peraltro meritatissimo dei bianconeri .

L’Ascoli era sceso in campo all’inizio con la stessa formazione che aveva perso a Pisa, dopo una buona gara martedi scorso. A dimostrazione che Delio Rossi ha già scelto il metodo e gli uomini giusti per farlo applicare. E oggi pomeriggio allo stadio Zini la mano del nuovo mister si è vista tutta, tranne forse che per la difesa , dove l’assenza di Kragl ( entrato solo alla fine) si è fatta sentire.

Chiricò subito in mostra sulla fascia destra, rendeva difficile la vita ai difensori della Cremonese, mentre Buchel provava a colpire tirando però alto da fuori area. Padroni di casa però in vantaggio al 17′, dopo un errore proprio di Chiricò nella propria area, che regalava palla agli avversari con gol di Strizzolo libero davanti la porta bianconera.

Dopo un’altra palla gol per la Cremonese, fallita da Bonaiuto, era l’Ascoli con Saric a mancare il pari. Il forte tiro del centrocampista era deviato in angolo con una grande parata dal portiere lombardo Volpe. La rete del pareggio ascolano arrivava però al 26′, con il centravanti Baijc che insaccava splendidamente in rete con un colpo di testa, servito su cross da Cavion.

A questo punto il match, già molto combattuto, si faceva ancora più bello, con frequenti azioni offensive dall’una e dall’altra parte. Leali salvava l’Ascoli su un nuovo tiro di Bonaiuto e poco dopo, al 32′ Baijc segnava il gol del vantaggio bianconero, dopo un palo colpito da Sini. Festa grande per la squadra di Rossi, che dominava il gioco e al 36′ otteneva anche un rigore per fallo di mano in area di un giocatore cremonese.

Dal dischetto però il centravanti bosniaco falliva l’opportunità di portare il Picchio sul 3-1 e forse dare una svolta alla partita. Dal gol mancato si passava in 7 minuti al gol subito, con la Cremonese che al 43′ tornava a segnare con Deli, con la complicità della retroguardia ascolana troppo lenta nel coprire l’attaccante lombardo.

Nel secondo tempo, dopo un salvataggio di Sini sulla linea di porta difesa da Leali, la Cremonese perveniva al 15′ al clamoroso vantaggio. Difesa bianconera ancora in bambola, e dal limite dell’area Deli tirava comodamente portando i padroni di casa sul 3-2. Per fortuna l’Ascoli non si disuniva e continuava a macinare gioco, fino al gol del definitivo 3-3 realizzato ancora da Baiijc – migliore in campo in assoluto – al 57′.

La gara restava però aperta e molto combattuta, con Leali che con coraggio salvava il risultato per i bianconeri gettandosi sui piedi di Ciofani all’84’. I cinque minuti di recupero non cambiavano alla fine le cose : Cremonese- Ascoli 3-3. Da rimarcare l’ottima prova di Cangiano e di tutti i centrocampisti del Picchio, a cominciare da Saric, Buchel e Cavion.