NikolaTesla Unplugged by Elica
NikolaTesla Unplugged by Elica
Centro Pagina - cronaca e attualità

Ascoli Piceno

Harley Davidson Route 76
Harley Davidson Route 76

Ascoli vuole recuperare il poligono di tiro: al via i lavori per ampliare la struttura

Il sopralluogo del sindaco e dell'assessore. L'area sarà utile anche all'Esercito per addestrare i propri volontari

Il sopralluogo di ieri al poligono di tiro, ad Ascoli

ASCOLI – La realizzazione di ulteriori opere pubbliche, ad Ascoli, non si ferma. Il prossimo step è rappresentato dall’ampliamento e dall’adeguamento del poligono di tiro, che si trova lungo la strada Salaria all’altezza del ‘Villaggio del Fanciullo’. Proprio ieri, infatti, c’è stato il sopralluogo da parte del sindaco Marco Fioravanti e dell’assessore comunale Marco Cardinelli, insieme ovviamente ai tecnici e al personale dell’Esercito.  

Il progetto

«Dopo aver prolungato lo stand di tiro dai 50 metri fino a 100 metri, per l’utilizzo di armi di seconda e terza categoria, ed aver collaudato l’intera struttura, siamo pronti a riconsegnare anche questo impianto – spiega Fioravanti, con grande entusiasmo -. Continua il lavoro della nostra amministrazione per il recupero ed il miglioramento delle diverse strutture in città». Il poligono di tiro, ovviamente, sarà molto utile all’Esercito, visto che ad Ascoli c’è il Reggimento Piceno, che ogni anno addestra centinaia di militari volontari. Ma sarà fondamentale, il recupero di tale struttura, anche per tutti coloro che hanno la passione per il tiro a segno e che necessitano, appunto, di un luogo ottimale nel quale allenarsi.

L’altro fronte

A proposito di opere pubbliche, nel frattempo, dopo alcuni giorni di stop, ripartono finalmente anche i lavori al ponte di San Filippo. Le condizioni meteo dell’ultimo periodo, infatti, non hanno consentito agli operai di portare avanti l’intervento. E, come se ciò non bastasse, un’altra grana è stata rappresentata dalla necessità di effettuare un esproprio da parte dell’amministrazione comunale. I lavori, però, sono ripartiti e dovrebbero concludersi entro il mese di febbraio, qualora non dovessero sorgere ulteriori problematiche.  

Natale a Gradara