Centro Pagina - cronaca e attualità

Ascoli Piceno

Ascoli Piceno, Carlo De Rogatis è il nuovo Prefetto

62 anni, più volte Commissario straordinario in Veneto e in Abruzzo per gestire le conseguenze di calamità naturali

ASCOLI – Nominato dal Governo il nuovo Prefetto di Ascoli Piceno. Si tratta di Carlo De Rogatis, 62 anni, proveniente da Belluno. Va a sostituire nell’incarico Rita Stentella, che è andata in pensione.

De Rogatis a Belluno era vice prefetto, e ha coordinato, come Commissario, il regolare svolgimento dei Campionati mondiali di sci alpino.

Il nuovo Prefetto di Ascoli è in servizio nell’Amministrazione pubblica dal 1989, quando fu assunto nella Prefettura di Massa Carrara. Poi è passato a quella di Padova e nel 2008 è stato nominato Vice prefetto. Ha lavorato in Abruzzo nell’estate del 2009, dopo il sisma dell’Aquila e poi è tornato in Veneto, nel 2010, per coordinare le operazioni sul campo per affrontare i danni delle inondazioni.

De Rogatis, sempre in Veneto ha ricoperto inoltre e diverse volte incarichi di Commissario straordinario, in alcuni comuni della regione, fino a diventare vicario alla Prefettura di Belluno, nel 2012.

«Negli anni trascorsi nel Bellunese – spiegano dal Governo -, De Rogatis ha lavorato con dedizione e servizio, svolgendo il ruolo di commissario in molte aree in difficoltà e dimostrando sempre sensibilità nei confronti delle istituzioni del territorio e dei cittadini».

Dunque un Prefetto con grande esperienza e capacità, che sembra adatto per affrontare le molte situazioni di crisi che attanagliano da molti anni la provincia di Ascoli. A cominciare da quella dell’impatto di lungo periodo del terremoto del 2016, che deve essere risolta rapidamente, nell’interesse di decine di comunità locali e migliaia di cittadini e imprese. Senza dimenticare l’emergenza sociale ed economica, con la presenza di 30 mila disoccupati, oltre che della questione sanitaria.