Centro Pagina - cronaca e attualità

Ascoli Piceno

Ascoli si schiera a favore della donazione di organi. Il sindaco: «Tanti in attesa, occorre generosità da parte di tutti»

Diffuso anche un video per incentivare la popolazione a dare il proprio consenso. Si potrà farlo al rinnovo della carta d'identità

La presentazione dell'iniziativa

ASCOLI – “Perché sì”. È questo il titolo della campagna di sensibilizzazione promossa dall’Ato Marche, l’associazione per i trapianti presieduta a livello regionale dal dottor Andrea Vecchi. Si tratta di una iniziativa, arricchita da un video diffuso sul web, indirizzata a tutte quelle persone che devono esprimere il consenso per la donazione degli organi. Un’idea assolutamente lodevole e degna di nota, che è stata presentata questa mattina 9 maggio in Comune dallo stesso dottor Vecchi, dalla coordinatrice regionale per i trapianti Francesca De Pace e dal sindaco Marco Fioravanti.

Il progetto

«Ascoli è una città che dice di sì – ha spiegato Fioravanti -. Anche noi, come tanti altri Comuni italiani, abbiamo aderito a questa campagna nazionale per i trapianti e oggi, con i dottori che seguono le donazioni di organi nelle Marche, abbiamo ribadito l’importanza di effettuare questo grande gesto di generosità». Nella fattispecie, l’iniziativa prevede che per ogni cittadino che rinnova la propria carta di identità ci sia la possibilità, direttamente all’ufficio anagrafe, di mettere una firma e dare il proprio consenso alla donazione degli organi in caso di morte cerebrale.

I numeri

«Con una sola firma, spesso, si riescono a salvare vite umane – ha proseguito la dottoressa De Pace, in sintonia ovviamente con il presidente regionale dell’Ato, Andrea Vecchi -. Abbiamo bisogno della solidarietà da parte dei cittadini, perché c’è una lista d’attesa importante per quanto riguarda il trapianto di reni e circa mille persone in attesa per il trapianto di fegato. Quindi, c’è necessità di donazione e speriamo che la popolazione aderisca numerosa alla donazione degli organi».