Centro Pagina - cronaca e attualità

Ancona

Violenza sulle donne: ad Ancona i camper della polizia

In occasione di San Valentino, arriva in città il progetto "...Questo non è amore", per supportare le donne in difficoltà. Punti di incontro anche a Jesi, Fabriano, Osimo e Senigallia

Violenza sulle donne
Foto di Alexas_Fotos da Pixabay

ANCONA – San Valentino è l’occasione in più per amare le donne. Davvero. Il progetto permanente “…Questo non è amore” della Polizia di Stato da alcuni mesi ha fornito a migliaia di persone, in tutta Italia, nei camper della polizia, informazioni, suggerimenti e la possibilità di denunciare la violenza di genere.

E il 14 febbraio “…Questo non è amore” arriva anche ad Ancona: in piazza d’Armi, dalle ore 8.30 in poi, i poliziotti della Questura di Ancona, specializzati nella trattazione delle violenze di genere, avranno modo di incontrare i cittadini nel camper apposito e illustrare loro la tematica. L’obiettivo: superare stereotipi e pregiudizi per l’affermazione di una nuova cultura di genere e aiutare le donne a vincere la paura, rompendo l’isolamento e la vergogna.

La stessa iniziativa è stata estesa ai comuni di Fabriano, in viale Beniamino Gigli, nelle vicinanze del centro commerciale, Osimo in piazza Marconi, a Jesi in corso Matteotti e a Senigallia, in piazza Roma.

Le donne che subiscono atti di violenza hanno così un modo in più per parlarne. Il progetto ha come finalità la creazione di un contatto diretto tra le donne e un team di operatori specializzati pronti a raccogliere le testimonianze di chi, spesso, ha paura a denunciare o a varcare la soglia di un ufficio di polizia.