Centro Pagina - cronaca e attualità

Ancona

Da Villa Nappi a piazza Umberto I, Polverigi si riempie di arte

Parole, immagini, storie e visioni. Sono sette gli appuntamenti che animeranno Polverigi durante luglio e agosto. Si parte domani con la rassegna Art Noir

POLVERIGI- Parole, immagini, storie e visioni. Sono sette gli appuntamenti che animeranno Polverigi durante luglio e agosto.

Si parte domani, giovedì 9 luglio alle 22:00, nel chiostro della splendida Villa Nappi di Polverigi, con l’avvio della rassegna Art Noir, curata dal professor Rodolfo Bersaglia e organizzata da Tommaso Aveta (già direttore artistico di Ti Ci Porto).

Rodolfo Bersaglia

Il docente Rodolfo Bersaglia ripropone idee e temi della prima edizione (Villa Nappi, 2019): «Rivelare i capolavori al vasto pubblico sottolineando i richiami ai fatti storici e culturali che ogni immagine porta con sé». Con Art Noir, dice il curatore, «lo spettatore abbraccia il corso della storia dell’arte attraverso le opere più conflittuali e attrattive, in una lettura guidata dei loro segreti e delle loro qualità».

Il 23 luglio la rassegna incrocerà un nuovo progetto, Polverigi Cultura, un esperimento proposto all’organizzazione dall’amministrazione comunale: 3 serate (23, 24 e 25 luglio) dedicate alla cultura e alla musica nella piazza centrale di Polverigi, nella quale il professor Bersaglia, il professor Antonio Luccarini e il cantautore Alessandro Pellegrini racconteranno l’arte del nostro territorio.

«Come sindaco sono felice di ospitare per il secondo anno consecutivo la manifestazione Art Noir, che ha esordito la scorsa estate nei giardini di Villa Nappi – dice Daniele Carnevali, primo cittadino di Polverigi -. Gli organizzatori mi hanno contattato già dai primi di gennaio ed è stato un grandissimo piacere poter rinnovare la collaborazione e inserire quest’iniziativa di spessore culturale all’interno del cartellone dell’estate polverigiana. Come amministrazione abbiamo poi chiesto agli organizzatori di ampliare il progetto e programmare alcune iniziative in piazza Umberto I, un’altra magnifica location del nostro paese che vogliamo far conoscere al pubblico dei territori limitrofi. È nata così l’idea di Polverigi Cultura, una nuova rassegna, sorella di Art Noir, che inaugureremo quest’anno e che ci auguriamo possa diventare un nuovo appuntamento della vita culturale della provincia anconetana negli anni a venire.
Tengo infine a sottolineare che, sebbene la pandemia abbia messo a rischio la programmazione, grazie alla forte volontà dell’amministrazione e degli organizzatori siamo riusciti a programmare le rassegne che verranno offerte al pubblico gratuitamente e nel rispetto delle norme di sicurezza».

Viene coinvolta nelle iniziative anche la Pro Loco del paese, che curerà gli aspetti tecnici e logistici. Sauro Santilli, rappresentante dell’organizzazione polverigiana, si dice “felice di poter aggiungere queste belle iniziative al programma della Pro Loco e disponibile a collaborare alla buona riuscita del progetto”.

Il calendario prevede un totale di 9 serate, di cui 6 (Art Noir) a Villa Nappi e 3 (Polverigi Cultura) in piazza Umberto I, Polverigi (AN).
Art Noir:

  • L’arte a cavallo della presa di Bisanzio (9 luglio);
  • Bauhaus. 100 anni dalla fondazione (16 luglio);
  • Piero della Francesca, San Ciriaco e la leggenda della Vera Croce (30 luglio);
  • La modernità di Giotto, da Roma a Firenze (6 agosto);
  • I pazzerelloni delle avanguardie storiche (13 agosto);
  • I surrealisti e il loro mondo psicologico (20 agosto).
    Polverigi Cultura:
  • Polverigi e gli affreschi delle Marche. Parole e immagini di Rodolfo Bersaglia (23 luglio);
  • “Raffaello, dal quale la natura temette di esser vinta”. Parole e immagini di Antonio Luccarini (24 luglio);
  • 5 di quadri. Parole e musica di Alessandro Pellegrini.

Rodolfo Bersaglia è stato docente a contratto presso il dipartimento di Urbanistica dell’Università Politecnica delle Marche e insegnante di Metodologia della Progettazione presso l’Accademia di Belle Arti di Ancona Poliarte, di cui è anche stato direttore del Dipartimento di Belle Arti.
Laureato in Lettere (indirizzo storico e artistico) presso l’Accademia di Belle Arti Isia di Urbino, è allievo di Pietro Zampetti, Michele Provinciali (New Bauhaus di Chicago) e Corrado Gavinelli (Politecnico di Milano). Grafico editoriale e pubblicitario, ha lavorato con Franco Giacometti per la Benetton e con Giulio Bizzarri per la BBDO in qualità di Art Director per la Team Italia (Bologna). È stato illustratore e impaginatore per Vickie Shafer presso lo studio Toth Design di Boston, ha esposto nella galleria Il Diagramma di Luciano Ingapin a Milano ed è stato invitato dalla Galleria Jack the Pelikan Presents di New York al Flash Art Show a Milano. Tra i suoi libri, si segnala il tomo Affreschi nelle Marche tra ‘300 e ‘500