Centro Pagina - cronaca e attualità

Ancona

Viceministro Cancelleri: «Le Marche un’eccellenza italiana nel Patto dei Sindaci per il clima»

Premiati a Roma i 32 Comuni marchigiani che hanno contribuito attivamente alle politiche di transizione energetica e adattamento ai cambiamenti climatici

ANCONA – Sono stati premiati nel pomeriggio del 4 dicembre i 32 Comuni marchigiani che contribuito attivamente alle politiche di transizione energetica e adattamento ai cambiamenti climatici.

L’evento si è tenuto a Roma, nello Spazio HDRÀ Palazzo Fiano piazza San Lorenzo in Lucina 4, all’interno del convegno organizzato da Regione Marche e Svim (Agenzia di Sviluppo Regione Marche) dal titolo “Transizione energetica e adattamento climatico. Il Patto dei Sindaci delle Marche strumento di pianificazione e di governance per il cambiamento”.

Il focus, tutto dedicato alle Marche, si è contestualizzato all’interno del XII Forum “QualEnergia?” di Legambiente, Editoriale La Nuova Ecologia e Kyoto Club, in partenariato con Cobat che, quest’anno, propone il tema “Quale Green New Deal? Come rendere la transizione energetica un’opportunità per imprese e cittadini”.

I Comuni premiati sono: Altidona, Ancona, Appignano, Ascoli Piceno, Campofilone, Castelbellino, Castelplanio, Cupramontana, Fabriano, Fano, Fermo, Grottazzolina, Jesi, Macerata, Maiolati Spontini, Mergo, Monte Giberto, Montecarotto, Monteroberto, Offida, Pesaro, Poggio San Marcello, Pollenza, Rosora, San Benedetto del Tronto, San Paolo di Jesi, San Severino Marche, Santa Maria Nuova, Senigallia, Serra San Quirico, Staffolo e Urbino.

«Le Marche rappresentano l’eccellenza italiana nell’attuazione del Patto dei Sindaci per il Clima e l’Energia e Svim ha dimostrato che un unico soggetto attuatore regionale che coordina le amministrazioni comunali riesce a raggiungere performance altissime» ha detto al convegno Giancarlo Cancelleri, viceministro Infrastrutture e Trasporti. «Da oggi sia apre anche una nuova collaborazione istituzionale con il mio dicastero per poter implementare al massimo lo sviluppo di linee strategiche che possano dare risposte concrete ai territori».

«Dai dati nazionali – ha sottolineato Giovanni Addamo Responsabile Sistemi Territoriali Area Regioni Centrali Enea –   emerge in maniera chiara che le Marche rappresentano un’eccellenza nel panorama nazionale grazie all’impegno dalla Regione Marche e Svim».