Centro Pagina - cronaca e attualità

Ancona

Vandali in azione nell’area cani del Parco Kennedy di Falconara, «Fatto inammissibile»

Amareggiati i volontari del comitato MyFido: «Non è la prima volta che succede, non se ne può più di questi gesti incivili»

Vandali in azione (foto di repertorio)

FALCONARA – È accaduto di nuovo, purtroppo: vandali in azione al parco Kennedy nell’area riservata ai cani. La dura condanna del comitato MyFido: «Sono gesti incresciosi perpetrati nei confronti degli animali e dei loro padroni». Sì, perché episodi analoghi erano avvenuti anche negli scorsi mesi, in quello spazio apparentemente tranquillo del giardino verde falconarese, fortemente voluto dai volontari e cittadini e ammodernato d’intesa con il Comune, ove portare i propri amici a quattro zampe a fare una sgambata.

In mattinata, purtroppo, una triste sorpresa. Approfittando dei parchi chiusi, qualcuno – durante il ‘lockdown’ – si è intrufolato nel Kennedy e ha preso di mira sedie, panchine, libri e ciotole per mangiare e bere. Tanto che il MyFido ha palesato tutta la propria contrarietà, usando parole forti e stigmatizzando l’accaduto.

«Con nostro grande rammarico, ancora una volta troviamo le aree cani vandalizzate – dicono -. Decine di sedie distrutte e gettate ovunque, una cassetta contenente libri per Book Crossing, in cui chi passa può lasciare o prenderne uno, lanciata oltre la rete, volumi sparsi e tirati chissà dove, tutte le ciotole dei cani sparite».

«Ora – sottolinea ironicamente il comitato – l’unica spiegazione che possiamo darci è che ci siano cani fantasma che durante la zona rossa si sono intrufolati nel parco ed hanno combinato questo disastro. Non possiamo credere che nella nostra città gente, così attenta al senso civico (altrui), abbia figli, ragazzi che si comportano in questo modo! Impensabile!», spiegano davvero amareggiati prima di concludere: «Quindi attenzione ai cani fantasma, grande piaga falconarese», rimarcando in maniera implicita azioni chiaramente riconducibili a persone e non agli animali.