Centro Pagina - cronaca e attualità

Ancona

Valeria Mancinelli presenta il suo libro e assicura: «Non mi candido alle Regionali»

Oggi pomeriggio (6 novembre), al Ridotto del teatro delle Muse, la sindaca di Ancona ha presentato “I principi del buongoverno. La visione di un sindaco nel caos del mondo che cambia”, edito da Piemme-Gruppo Mondadori

ANCONA – «Con questo libro ho voluto offrire una testimonianza concreta sul fatto che è possibile mettere in campo i principi del buongoverno. Questi principi non sono ingredienti di una ricetta, ma punti fermi di una condotta che può dimostrare, seguendoli, che la politica è una cosa incredibilmente utile».

Con queste parole il sindaco Valeria Mancinelli ha presentato oggi pomeriggio, al Ridotto del teatro delle Muse, il suo libro “I principi del buongoverno. La visione di un sindaco nel caos del mondo che cambia” (Edizioni Piemme-Gruppo Mondadori). E su una sua possibile candidatura alle Regionali, ha assicurato: «Non ho nessuna intenzione di candidarmi contro il presidente uscente, in quanto è un presidente espresso dalla coalizione politica a cui appartengo».

Dopo la vittoria del “World Mayor Prize 2018” e la rielezione a sindaco di Ancona avvenuta nel giugno 2018, le è stato chiesto di scrivere questo libro e sono tantissime le persone che hanno partecipato oggi alla presentazione, a partire dagli assessori della giunta Mancinelli. «Nel gennaio del 2013 – ha ricordato la sindaca – mi sono candidata alle primarie del centrosinistra. In quell’occasione la scommessa era provare a testare nella realtà una tesi, ovvero che si potesse far politica, avere il consenso, vincere le elezioni e governare senza demagogia, raccontando la verità, non blandendo gli elettori e instaurando un rapporto adulto con i cittadini. La mia tesi era anche che si potesse scegliere in totale autonomia gli assessori, rispondendo poi del loro operato. Una facoltà allora raramente esercitata, perché le scelte erano per lo più frutto di alchimie e di equilibri politici. Per vincere ero convinta che fossero fondamentali un progetto di governo e una squadra credibili e così è stato. La realtà ha confermato che si può fare. Ecco perché questo libro è una testimonianza concreta. Bisogna cominciare ad esportare il modello Ancona, l’esperienza fatta, e contaminare il resto d’Italia».

Nel libro, scritto con l’assessore alla Cultura Paolo Marasca, viene spiegato che i principi del buongoverno sono: onestà, sincerità, credibilità, sentimento, serietà, ascolto, competenza, complessità e tempo. «Nel libro c’è scritto che di questi concetti non bisogna farne un vessillo – ha spiegato la Mancinelli – una bandiera o un inno. Bisogna invece praticarli e solo così la politica diventerà credibile.

Nell’immediato dopoguerra fino agli anni ’70, la politica era percepita come qualcosa di utile, in quanto affrontava e dava risposte ai problemi della realtà, della comunità. Sempre bene? No, ma ci sono state tante riforme tra gli anni ’60 e gli anni ’70, come la riforma della scuola e la scolarizzazione di massa. L’utilità della politica era percepita, successivamente invece questa è andata distaccandosi dalla realtà e in questo abisso che è diventato incredibile negli ultimi venti anni, la percezione dell’utilità della politica e, quindi anche di chi fa politica, è fortemente scemata. Però per affrontare i temi enormi che abbiamo di fronte, dai cambiamenti climatici alla globalizzazione e al terremoto, oggi più che mai c’è bisogno di una risposta collettiva, cioè di chi possa governare questi processi. Quindi c’è un disperato bisogno di politica, il problema è l’adeguatezza della risposta e dell’offerta politica. Per provare a colmare questo abisso, credo che un modo sia provare a praticare i principi di cui stiamo parlando, perché solo così si potrà ricostruire la credibilità della politica e la credibilità è connessa al concetto di utilità».

Su una sua possibile candidatura alle Regionali, la Mancinelli ha invece ribadito ancora una volta che non si candiderà. Sosterrà quindi Luca Ceriscioli? «Io sosterrò il candidato alla Regione Marche che la coalizione di centrosinistra deciderà – ha spiegato – Ceriscioli si è ricandidato, ma prima bisogna fare la coalizione e sbrigarsi, avere un programma di governo chiaro e condiviso e poi decidere il candidato presidente».

Il Sindaco Mancinelli nelle prossime settimane presenterà il libro in altre città marchigiane, ma intanto venerdì 8 novembre interverrà a Palazzo Isimbardi, all’incontro organizzato dalla Città metropolitana di Milano su “I principi del buon governo-i contribui dei sindaci per il governo del Paese”. Il sindaco di Ancona si confronterà con Giuseppe Sala, sindaco di Milano.