Centro Pagina - cronaca e attualità

Ancona

Valeria Mancinelli è il sindaco di Ancona. Riconfermata con oltre il 60% dei voti

Il sindaco uscente conquista il secondo mandato mentre Stefano Tombolini arresta la corsa con il 37,22% delle preferenze

Valeria Mancinelli
Valeria Mancinelli

ANCONA- Valeria Mancinelli è il sindaco di Ancona per la seconda volta. Eletta con il 62,78% conquista il secondo mandato mentre Stefano Tombolini arresta la corsa al 37,22%. Festa grande a Palazzo del Popolo per la sua rielezione. Assessori, consiglieri comunali, esponenti del PD. Tutti nella Sala della Giunta per festeggiare la vittoria insieme alla sindaca, arrivata in Comune intorno a mezzanotte. Gli anconetani hanno scelto di riconfermare il primo cittadino uscente e quindi i “fatti,” ovvero quanto realizzato dall’amministrazione in questi cinque anni e su cui la Mancinelli ha basato la campagna elettorale.

I dati definitivi del ballottaggio
I dati definitivi del ballottaggio

Il risultato ottenuto il 10 giugno aveva già fatto immaginare quello che sarebbe stato il voto degli anconetani. Candidata del centrosinistra e appoggiata da PD, Verdi, Ancora X Ancona, Ancona Popolare, Centristi X Ancona, Mancinelli al primo turno aveva ottenuto il 47,92% delle preferenze mentre l’avversario del centrodestra appoggiato da Lega, Fratelli d’Italia, Forza Italia, Udc e dalle liste civiche 60100 e Servire Ancona aveva raggiunto il 28,44%. L’affluenza definitiva è del 42,68%, al ballottaggio del 2013 era stata 41,98%. Allora a sfidare Mancinelli (62,59%) ci fu Italo D’Angelo (37,41%).

Il neo sindaco di Ancona, Valeria Mancinelli commenta la vittoria elettorale

Il sindaco uscente Valeria Mancinelli conquista il secondo mandato mentre Stefano Tombolini arresta la corsa con circa il 30% delle preferenze

Pubblicato da CentroPagina su Domenica 24 giugno 2018

Il 10 giugno scorso invece, l’affluenza definitiva è stata del 54,59%, dunque in questo secondo turno il calo è stato di 12 punti percentuali. Ad Ancona, è dal ’95 che governa il Pd, ben 23 anni. Il capoluogo di regione si conferma quindi una roccaforte del partito democratico.