Centro Pagina - cronaca e attualità

Ancona

Ancona, da Univpm laurea honoris causa ad Andrea Della Valle per la cura per il territorio regionale: «Chi ha ricevuto tanto deve ridare»

All'imprenditore marchigiano, vicepresidente e amministratore delegato del gruppo Tod's Spa, l'Università Politecnica delle Marche ha conferito la Laurea Honoris Causa in Economia e Management

ANCONA – I giovani, la solidarietà e i valori trasmessi dalla famiglia sono stati al centro dei passaggi salienti del discorso di Andrea Della Valle, l’imprenditore marchigiano, vicepresidente e amministratore delegato del gruppo Tod’s Spa, a cui l’Università Politecnica delle Marche ha conferito la Laurea Honoris Causa in Economia e Management nell’ambito di una cerimonia che si è svolta presso la Facoltà Di Economia “G. Fuà” dell’Università Politecnica delle Marche.

«La solidarietà è molto molto importante e deve essere fatta sempre di più» ha detto Andrea Della Valle, circondato dalla famiglia, dai fratelli Diego e Gisella, dalla mogie Paola, dai tre figli e dagli amici, fra i quali l’ex ministro del Lavoro Clemente Mastella, oggi sindaco di Benevento. Presente alla cerimonia anche il presidente della Regione Marche Francesco Acquaroli.

Della Valle ha ricevuto la Laurea Honoris Causa per essersi distinto per il successo durevole e sostenibile dell’azienda, per la capacità di creare e diffondere valore nell’ambito del territorio regionale, e per le operazioni sul piano sociale e della solidarietà che il gruppo realizza. L’imprenditore, si legge nella motivazione dell’Ateneo dorico, ha dimostrato attenzione e cura nei confronti del territorio regionale, pur essendo alla guida di un global player che opera con un orizzonte internazionale e che si trova frequentemente a valutare l’opportunità di delocalizzare così come a scegliere tra molte iniziative a forte impatto sociale in diverse parti del mondo.

Numerosi e importanti i progetti realizzati dall’imprenditore destinati ad iniziative solidali e culturali legate al territorio e alle realtà aziendali, come, ad esempio, la devoluzione dell’1 % dell’utile netto del fatturato dedicata a progetti locali a sostegno di famiglie in difficoltà dando un aiuto concreto. Fra questi anche la realizzazione della fabbrica di Arquata del Tronto, costruita in soli undici mesi dopo il terremoto, e il restauro del Colle dell’Infinito (casa di Leopardi) progetti che hanno visto il vicepresidente impegnato in prima persona per la loro realizzazione. Il progetto dell’Academy Aziendale e della Bottega dei Mestieri sono stati fortemente voluti e da quasi dieci anni formano i giovani avvicinandoli al mestiere dell’artigianato preservando l’importante tradizione di questo territorio.
Il coraggio, la lungimiranza e la generosità sono tratti distintivi del carattere di un uomo che ha segnato, accanto alla sua famiglia, il destino di un grande gruppo riconosciuto in tutto il mondo per i valori che ha saputo trasmettere.

Della Valle ha discusso una Lectio Magistralis su “Una storia imprenditoriale ed umana per la valorizzazione di un Territorio”. «Chi ha ricevuto tanto nella vita, come diceva anche mio padre, deve ridare in parte» ha detto il vicepresidente e amministratore delegato del gruppo Tod’s Spa. L’imprenditore ha ricordato il motto paterno “dignità, dovere, divertimento”.

«Abbiamo avuto la fortuna di avere nostro padre come mentore con questi sani principi: il rispetto, la dignità, il dovere» ha spiegato, sottolineando che «quando si è fatto tutto quello che è prioritario, la dignità e il dovere, poi la vita è fatta anche per divertirsi». Della Valle ha sottolineato «i giovani sono il nostro presente, non sono il futuro – ha detto – : dobbiamo aiutarli ad inserirsi sempre di più nelle nostre aziende, in tutto».

Il rettore dell’Università Politecnica delle Marche Gian Luca Gregori, nel discorso ha affermato: «Nei prossimi anni si attende un’evoluzione del sistema economico e normativo nell’ottica dello sviluppo sostenibile. Il superamento delle sfide emergenti richiede manager lungimiranti che siano sponsor e leader nel processo di cambiamento organizzativo e culturale. In tal senso l’esempio di Tod’s mostra la capacità di incidere positivamente sul territorio dal punto di vista sociale ed economico».