Centro Pagina - cronaca e attualità

Ancona

Tragedia sfiorata nel sottopasso di via Caduti del Lavoro, il Comune cambia i semafori

Il nuovo sistema informatizzato di segnalazione locale e a distanza sarà installato in quattro sottopassi veicolari di Ancona: in via Filonzi, via Lotto, via Macerata e via Caduti del Lavoro. Il costo dell’intervento è di 42.504 euro

Il sottopasso di via Caduti del Lavoro allagato

ANCONA- Poco più di un mese fa la tragedia sfiorata nel sottopasso di via Caduti del Lavoro. Una bomba d’acqua si abbatte su Ancona, la Baraccola si allaga e due donne rimangono intrappolate con l’auto nel sottopasso. Quando ormai l’acqua aveva quasi completamente sommerso il veicolo, madre e figlia sono state salvate in extremis dagli agenti delle volanti. Anziché scattare il rosso vietando il transito dei veicoli, il semaforo ha continuato a lampeggiare. Evidentemente qualcosa non ha funzionato e proprio per questo motivo, il Comune di Ancona si sta muovendo per installare un “nuovo sistema informatizzato di segnalazione locale e a distanza di allagamento di quattro sottopassi veicolari comunali”: in via Filonzi, via Lotto, via Macerata e via Caduti del Lavoro. Il costo dell’intervento è di 42.504 euro e sarà eseguito dalla ditta Siem S.r.l. di Ancona.

«Tali sottopassi sono attualmente dotati di segnalazione di “sottopasso allagato” con semaforo rosso comandato da un centralino obsoleto ed un sistema di galleggianti posizionati in pozzetti di raccolta dell’acqua piovana oppure posizionati nelle vasche contenenti le pompe- si legge nella determina del dirigente Riccardo Borgognoni-. Tale sistema di segnalazione ha evidenziato, durante gli ultimi eventi atmosferici avversi, dei forti limiti di affidabilità in quanto l’accensione del semaforo rosso non sempre veniva garantito nelle condizioni di allagamento del sottopasso. Inoltre l’attuale tipologia di segnalazione semaforica con la cartellonistica di preavviso e di avvertimento della possibilità di allagamento del sottopasso non sono idonee per le situazioni di viabilità caratterizzanti tali sottopassi, come la presenza di incroci nelle vicinanze dei sottopassi, la elevata velocità di avvicinamento dei veicoli al sottopasso o la ridotta visibilità delle condizioni del sottopasso per la forte pendenza delle due rampe di discesa. È quindi necessario rivedere l’intero impianto di segnalazione dei quattro sottopassi, sostituendo l’attuale sistema con uno di tipo informatizzato il quale oltre a segnalare localmente la situazione di allagamento del sottopasso, permette il monitoraggio a distanza attraverso un collegamento internet con un cellulare, tablet o pc, con visualizzazione di un report delle condizioni di funzionamento del sistema e la possibilità di visionare – tramite telecamere – l’effettiva situazione del sottopasso».

Dunque, il nuovo sistema di segnalazione sarà completamente informatizzato e sarà dotato di: alimentazione di emergenza anche in condizioni di black-out; di lanterne semaforiche a Led ad alta luminosità complete di pannelli di avvertimento “Sottopasso chiuso con semaforo rosso” contenenti 4 lampeggianti per richiamare l’attenzione dei conducenti; di telecamere di videosorveglianza per monitorare visivamente a distanza la situazione del sottopasso; di sensori elettronici ridondanti posizionati in postazioni strategiche per la rilevazione della situazione di allagamento. Inoltre, in caso di allarme per sottopasso allagato vengono inviati via internet dei messaggi sms, chiamate vocali o e-mail a rotazione continua a numeri o indirizzi preimpostati. I sensori del nuovo impianto di rilevazione dello stato di allagamento saranno installati nei marciapiedi laterali alle carreggiate dei sottopassi, completi di protezioni antiurto e antivandalo. Gli attuali centralini semaforici saranno invece smantellati.