Centro Pagina - cronaca e attualità

Ancona

Sospensione tasse e sostegno affitti. La proposta di Cna per il commercio. E i negozi spengono le luci

Protesta simbolica dei titolari delle attività sostenuta dalla Cna che dice: «Questo è un lockdown mascherato. È stato tolto lo spazio temporale ed emotivo per fare acquisti»

ANCONA – Con questo slogan #nonsiamoinvisibili i commercianti si uniscono per richiedere l’inclusione del comparto nelle politiche di ristoro del Governo e dicono «Questo è un lockdown mascherato». E domani, sabato 7, nel pomeriggio alle 18, luci spente nei negozi per la protesta. A rimanere accese, per testimoniare la presenza viva, solo l’illuminazione della vetrina. Così l’appello di Cna e dei Commercianti si è trasformato in un’iniziativa simbolica.

«Questo è un lockdown mascherato. E chi ha un negozio e un’attività di commercio al dettaglio lo ha capito. I provvedimenti del Governo per contenere la diffusione della pandemia colpiscono indirettamente ed in maniera impattante tutto il settore del commercio. A tutti gli effetti è stato tolto lo spazio temporale ed emotivo per fare acquisti e per visitare negozi – spiega l’ente -. A parlare sono i numeri. I fatturati del mese di ottobre hanno visto un calo vertiginoso nella seconda metà del mese a causa della chiusura dei bar e ristoranti e del coprifuoco. Le persone circolano meno e sono meno propense all’acquisto. Se pur i commercianti siano stati fra i primi ad attivarsi per rendere i propri locali a norma nel rispetto dei protocolli anticontagio, l’assenza di movimento ha generato un drastico calo dei consumi», spiega Cna.

Che chiede: misure di sostegno degli affitti; ristoro su comparativi del fatturato; sostegno per rifinanziamento merci di magazzino;
sospensione contributi e tasse. «In questa difficile situazione, il “Decreto Ristori” ha riguardato solo i settori direttamente interessati dalle limitazioni del provvedimento, dimenticando la interrelazione fra sistemi economici locali». Così domani, sabato 7, come gesto simbolico i commercianti aderenti spegneranno tutte le luci del proprio negozio per 15 minuti, lasciando accese solo quelle della vetrina o dell’ingresso come simbolo di “vitalità” e di presenza.

© riproduzione riservata