Centro Pagina - cronaca e attualità

Ancona

Studenti in sciopero, c’è l’ok alle mascherine gratuite e screening il prossimo weekend

La Consulta studentesca della provincia di Ancona incontra il presidente Acquaroli e gli assessori Latini e Saltamartini. C'è la data per il testing degli studenti delle superiori: sabato e domenica il via ai tamponi

ANCONA- Nel primo pomeriggio di oggi (10 gennaio) la Consulta studentesca della provincia di Ancona ha incontrato il presidente Acquaroli per fare luce sulla ripartenza delle lezioni. In collegamento online anche il dirigente regionale della Sanità Armando Gozzini e gli assessori Giorgia Latini e Filippo Saltamartini. 

Lo screening

Tra le richieste avanzate nei giorni scorsi dalla Consulta studentesca c’era la necessità di approntare uno screening di tutti gli studenti delle scuole superiori su scala provinciale. Richiesta presa in carico e accettata dalla Regione che ha già individuato i giorni in cui si potrà procedere con il testing. «Ci hanno comunicato che lo screening si terrà lungo il weekend del 15 e 16 gennaio» afferma Leonardo Ploschberger, presidente della Consulta. Ma resta ancora da definire il luogo e se verrà effettuato entrambe le giornate oppure solo in una delle due date.

«Il nostro intento è proprio quello di evitare il più possibile la dad – prosegue lo studente -, dunque lo screening ci sembra uno strumento utile a garantire una maggiore sicurezza. Inoltre dalla Regione ci hanno fatto sapere che con tutta probabilità sarà ripetuto anche più avanti, così da non farla rimanere un’attività singola finalizzata al rientro dalle festività natalizie». 

Le mascherine gratuite

L’altra questione rimasta in sospeso riguardava la fornitura di mascherine Ffp2, che, spiega Ploschberger «sembrerebbe, da quanto emerso in riunione, che a breve arriveranno le prime forniture in modo da andare subito a coprire tutte quelle situazioni in cui ci sia almeno un positivo in classe». Nel frattempo la Consulta studentesca ha revocato la prosecuzione dello sciopero per i prossimi giorni. Da domani si ritorna dunque regolarmente in presenza. «In ogni caso lo sciopero di oggi ha riscosso una grande partecipazione – spiega il presidente della Consulta studentesca -. Abbiamo toccato circa 30mila partecipanti, per oltre l’80% degli studenti delle scuole superiori di tutta la provincia». 

I nodo trasporti

Uno dei nodi appena sfiorati, invece, durante la riunione odierna, è stato il tema riguardante i trasporti pubblici. «Ci sono arrivate segnalazioni da parte di alcuni studenti che evidenziano quanto gli autobus siano troppo affollati e in assenza di opportuni controlli – lamenta il rappresentante studentesco -. Abbiamo perciò accennato alla problematica durante il dibattito di oggi e faremo un approfondimento specifico alla prossima riunione». Intanto domani – 11 gennaio – si terrà il tavolo regionale Covid a cui parteciperanno circa un centinaio di rappresentanti tra sindacati, scuole, Ordine dei Medici e referenti regionali proprio per fare il punto sulla situazione. Il quadro generale è in costante evoluzione e ulteriori informazioni potrebbero essere diramate nell’arco della giornata.