Centro Pagina - cronaca e attualità

Ancona

Stadio Dorico, scontro in consiglio tra Diomedi (M5S) e l’assessore Guidotti

Nel consiglio comunale di ieri polemica tra l'ex candidato sindaco del Movimento 5 Stelle e l'assessore allo sport Andrea Guidotti sul bando di gestione del rinnovato impianto del Viale della Vittoria

Stadio-Dorico
Un'immagine dei lavori allo stadio Dorico

ANCONA- Continua a far parlare e discutere il tema Dorico. Nel consiglio comunale di ieri, svolto alla Mole Vanvitelliana, il consigliere Daniela Diomedi del Movimento 5 Stelle si è scagliata contro il bando di gestione del rinnovato impianto del Viale della Vittoria. Una gara in cui le manifestazioni d’interesse dovranno pervenire entro le 10.00 di martedì 20 luglio e alla quale parteciperà sicuramente l’Anconitana del presidente Stefano Marconi. A scatenare le critiche dell’ex candidato sindaco del 5 Stelle l’obbligo, qualora ne faccia richiesta, di destinare il 50% delle ore alla prima squadra cittadina (cioè l’Anconitana) ritenuto estraneo alla tecnica abituale dei bandi pubblici.

Va specificato che la società dorica, qualora non dovesse aggiudicarsi il bando e richiedere le ore, dovrebbe ovviamente pagarle secondo il canone previsto. Nella risposta data dall’assessore allo sport Andrea Guidotti, chiamato in causa dalla stessa Diomedi, emerge la volontà di garantire alla prima squadra della città per storia, blasone e tradizione (nonostante una denominazione diversa da quella degli ultimi anni per le note vicende che hanno portato al fallimento) di tornare nella sua storica casa. Inoltre, sempre secondo l’assessore, il pagamento delle ore sarebbe un’occasione anche per il gestore in termini di conto economico.

Per quanto riguarda le avversarie, la Giovane Ancona che già gestisce l’impianto dell’Aspio (in proroga per il Covid fino a giugno 2021) non potrebbe partecipare al bando. Nei prossimi giorni si capirà se ci potranno essere delle novità.