Centro Pagina - cronaca e attualità

Ancona

Fissava gli appuntamenti su Instagram e WhatsApp, 21enne “grossista” della droga nei guai

Avevano organizzato un fiorente mercato dello spaccio tra Monte D'Ago e Brecce Bianche. Gli agenti delle Volanti li hanno sorpresi durante una serie di maxi controlli nel corso delle ultime 24 ore

Le volanti durante i controlli

ANCONA – Fissava gli appuntamenti con i suoi clienti su Instagram e WhattsApp lo spacciatore 21enne arrestato ieri dalle Volanti della Questura di Ancona, nel corso di una serie di maxi controlli che hanno interessato la città dorica nelle ultime 24 ore. Le pantere guidate dalla dirigente Cinzia Nicolini, hanno inferto un duro colpo alla fiorente attività di spaccio nei quartieri di Monte d’Ago e Brecce Bianche. Una brillante operazione che ha portato all’arresto di due ragazzi.

Il 21enne nascondeva nel garage della sua abitazione, adibito a vero e proprio laboratorio dello spaccio, due etti tra hashish e marijuana. È proprio in questo locale, a Brecce Bianche, che il ragazzo organizzava la sua fiorente attività, una sorta di ingrosso della droga. Nel garage confezionava le dosi che poi vendeva ai suoi clienti, contattati attraverso Instagram e WhattsApp.
Oltre alla droga i poliziotti hanno sequestrato anche 1200 euro in contante nascosti nel comodino della sua camera. Il 21enne è stato arrestato ieri sera per spaccio di sostanze stupefacenti ed è stato posto agli arresti domiciliari in attesa dell’udienza di convalida dell’arresto.

Droga e banconote sequestrati dalla Polizia

Sempre ieri, le Volanti hanno messo a segno un’altro arresto, questa volta a finire nei guai un 20enne che si riforniva dal “grossista” di Brecce Bianche. Erano le 23.10 circa di ieri sera, 15 marzo, quando gli agenti hanno controllato un gruppetto di ragazzi che si trovavano vicino alla scalinata nei pressi di un distributore automatico di sigarette in Via Togliatti.
I poliziotti avevano attenzionato la zona già dai giorni scorsi perché insospettiti da un andirivieni di ragazzi. Nel gruppetto gli agenti notano un ragazzo con un grosso barattolo di vetro in mano dal quale stava estraendo qualcosa per passarlo ad altri due coetanei. I poliziotti bloccano subito il 20enne, risultato poi essere incensurato, mentre altri agenti si mettono all’inseguimento degli altri due che nel frattempo si erano dati alla fuga senza successo, perché i poliziotti sono riusciti lo stesso ad acciuffarli. I due ragazzi sono stati trovati in possesso di un 3 grammi circa, ciascuno, di hashish, appena acquistato dallo spacciatore 20enne. All’interno del barattolo gli agenti hanno trovato 1 etto circa di hashish e 225 euro in banconote di vario taglio provento dell’attività di spaccio. Nelle tasche del 20enne anche un bilancino di precisione con il quale pesava al momento della le dosi vendute. Anche per lui sono scattati gli arresti domiciliari nell’attesa dell’udienza di convalida.