Centro Pagina - cronaca e attualità

Ancona

Via Crucis dei giovani sul monte Conero con il vescovo Angelo Spina

La partenza sarà alle 21.15 da “Metàmonte” e il corteo arriverà fino all’Abbazia di San Pietro al Conero. I giovani potranno lasciare l'auto nel parcheggio di villa Boccolini e gli organizzatori consigliano di portare torce elettriche e di indossare scarpe da trekking

SIROLO – Il 23 marzo l’arcidiocesi di Ancona-Osimo celebrerà la Giornata Mondiale Diocesana della Gioventù, con l’immancabile via Crucis dei giovani sul Monte Conero insieme al vescovo Angelo Spina. La partenza sarà alle 21.15 da “Metàmonte” e il corteo arriverà fino all’Abbazia di San Pietro al Conero. Fino alle 21 sarà possibile raggiungere Metàmonte ​parcheggiando​ la propria auto ​presso il parcheggio di villa Boccolini a Sirolo​, usufruendo di ​due bus navetta​ alle 20.45 e alle 21. Gli organizzatori consigliano di portare torce elettriche e di indossare scarpe da trekking, dopodiché al termine della via Crucis​ i bus navetta torneranno nel park e i giovani potranno riprendere le proprie auto.

Angelo Spina, arcivescovo di Ancona-Osimo

All’inizio della Quaresima, Spina durante la Celebrazione delle Ceneri nel duomo di san Ciriaco, aveva sottolineato che «la Quaresima è la primavera che ci prepara a ricevere i frutti della Pasqua, culmine dell’anno liturgico e della vita di ogni cristiano… Papa Francesco nel suo messaggio per la Quaresima ci mette in guardia dai falsi profeti del nostro tempo, dagli “incantatori di serpenti” che approfittano delle emozioni umane, per rendere schiave le persone e portarle dove vogliono loro. Ci sono, poi, i “ciarlatani” che offrono soluzioni semplici e immediate alle sofferenze; a tanti giovani è offerto il falso rimedio della droga, di relazioni “usa e getta”, di guadagni facili ma disonesti! Quanti poi vengono irretiti in una vita completamente virtuale. Questi truffatori, che offrono cose senza valore, tolgono invece ciò che è più prezioso come la dignità, la libertà e la capacità di amare… La Quaresima ci aiuti a ritrovare noi stessi, la nostra umanità e a riscoprire che il dono più prezioso che abbiamo è la nostra anima che non vogliamo perdere. Andiamo così incontro alla luce del Cristo che risorge glorioso disperdendo le tenebre del nostro peccato e facendoci uomini e donne risorti in lui».

L’arcivescovo, durante la Quaresima, ha tenuto delle catechesi dal titolo “Beati voi…”, tutti i martedì nella Basilica di san Giuseppe da Copertino ad Osimo e tutti i venerdì nella Cattedrale di san Ciriaco ad Ancona. Venerdì guiderà la via Crucis sul monte Conero e domenica 25 marzo, nel duomo di Ancona alle 10.15, benedirà le palme e celebrerà la santa messa, e alle 21.15 parteciperà al concerto, sempre nella cattedrale.

Giovedì 29 marzo, a San Ciriaco alle 10, celebrerà la messa crismale e alle 18.30 la messa vespertina nella Cena del Signore con la lavanda dei piedi. Venerdì 30 marzo, alle 17, in cattedrale, ci sarà la celebrazione della Passione, e a seguire la via Crucis cittadina fino a piazza del Papa, mentre alle 20.30 Spina farà una riflessione e una preghiera al termine della processione nella Concattedrale di S. Leopardo ad Osimo. Sabato 31 marzo, alle 22, ci sarà la veglia pasquale nella cattedrale di S. Ciriaco, e domenica di Pasqua (1 aprile) l’arcivescovo celebrerà la messa alle 9.30 S. nella residenza per anziani Recanatesi ad Osimo; alle 10.30 nella Concattedrale S. Leopardo ad Osimo e alle 18 nella Cattedrale di Ancona.