Centro Pagina - cronaca e attualità

Ancona

Sindrome di Shwachman-Diamond, gli Ospedali Riuniti centro di riferimento mondiale

Sarà allestito un gruppo di ricerca e istituito un laboratorio finalizzato a scoprire i meccanismi molecolari ed eventuali nuove terapie per la patologia. In Italia attualmente sono 122 le persone affette da Sds

L'ospedale di Torrette
L'ospedale di Torrette

ANCONA – Gli Ospedali Riuniti diventano centro di riferimento mondiale per la ricerca di nuove terapie per la Sindrome di Shwachman-Diamond.

ShSi aprono speranze concrete di cura e forse anche guarigione, per migliaia di pazienti colpiti nel mondo da questa grave malattia genetica. Al Centro Fibrosi Cistica dell’AOU Ospedali Riuniti, diretto dal Marco Cipolli, è stato recentemente riconosciuto, per il progetto intitolato “Further insights into the molecular mechanisms underlying the Shwachman-Diamond syndrome: towards new therapeutic approaches” un ambito finanziamento del Ministero della Salute (Bando Ricerca Finalizzata).

Il dottor Valentino Bezzerri, vincitore del bando, si trasferirà dal Centro Regionale Specializzato per la Sindrome di Shwachman-Diamond di Verona ad Ancona, per coordinare un nuovo gruppo di ricerca e istituire, insieme al dottor Cipolli, un nuovo laboratorio di ricerca finalizzato a scoprire i meccanismi molecolari ed eventuali nuove terapie per contrastare la sindrome di Shwachman-Diamond (SDS).

Il gruppo di ricerca si avvarrà della preziosa collaborazione dell’Università di Ferrara (partner di progetto). La SDS è una malattia genetica rara, per la quale non è ancora stata trovata una cura. Il Dott. Cipolli è uno dei maggiori esperti a livello mondiale della patologia ed attualmente segue gran parte dei pazienti italiani (nel territorio nazionale sono presenti 122 pazienti SDS, secondo il registro italiano SDS). Grazie al finanziamento, verranno anche selezionati due giovani ricercatori che andranno a potenziare il nuovo gruppo di ricerca. Sarà attivato quindi il primo laboratorio Italiano dedicato alla SDS, un’opportunità unica per le Marche.