Centro Pagina - cronaca e attualità

Ancona

Ancona, si scende in spiaggia: «Ripuliremo Torrette, venite in tanti»

Ad essere interessata, domenica, sarà tutta la spiaggia di Torrette. Al termine del clean up, i rifiuti raccolti verranno differenziati e pesati, come sempre. «Scendiamo in spiaggia. Ci battiamo per il decoro urbano e la tutela ambientale»

Passetto, un clean up di 2hands dell'estate 2021 (fonte Facebook)

ANCONA – Si scende nuovamente in spiaggia. I volontari di 2 hands, stavolta, ripuliranno il litorale di Torrette. Ad informare i cittadini, un comunicato dell’associazione ambientalista dorica. L’appuntamento è per domenica (30 gennaio), ore 10.30.

Portonovo, uno dei tanti clean up estivi del 2021 (fonte Facebook)

Stando alle previsioni meteo, il tempo, ad Ancona, sarà bello e il sole, in cielo, splenderà proprio come quelle giornate estive in cui, sulla spiaggia di Torrette, ci si abbronza. Ma d’inverno, purtroppo, sono tanti i rifiuti che – volontariamente o meno – si accumulano sulla spiaggia.

Di qui, la necessità di un intervento di pulizia, detto clean up. «L’incontro con i volontari sarà alla stazione di Torrette per poi prendere il sottopassaggio e recarsi in spiaggia. Inizieremo alle 10.30» si legge nella nota stampa.

Sono già diverse le azioni di pulizia messe in atto da 2hands in questo nuovo 2022. «Ci battiamo per il decoro urbano e la tutela ambientale, organizzando bonifiche di spiagge e parchi cittadini e portando avanti progetti di riqualificazione di aree comunali e di riforestazione urbana».

La locandina dell’evento

Ad essere interessata, domenica, sarà tutta la spiaggia di Torrette. Al termine del clean up, i rifiuti raccolti verranno differenziati e pesati, come sempre. «Ogni fine settimana 2hands organizza eventi per la tutela dell’ambiente cercando di coinvolgere sempre un numero maggiore di volontari. Questo tipo di eventi è aperto a tutti – la cittadinanza è invitata – e per qualsiasi informazione su come partecipare, su come associarsi o sulle modalità di supporto potete contattarci sui social» concludono gli ambientalisti.

© riproduzione riservata