Centro Pagina - cronaca e attualità

Ancona

Si chiude un’ottima stagione velica per Marina Dorica

La FIV Marche applaude all’operato di Marina Dorica per l’ultima stagione velica. Grandi complimenti per le manifestazioni a carattere nazionale e non solo, al vaglio il progetto “Scuola del mare”

Marina Dorica

ANCONA- Il Comitato X Zona FIV, inteso come dipartimento regionale di Federvela, ha rivolto ai circoli velici anconetani e in particolar modo allo staff di Marina Dorica, i suoi complimenti per le perfette riuscite del Trofeo Kinder + Sport Optimist, della Regata del Conero e di tutte le iniziative veliche che si sono disputate nel capoluogo. Le parole d’elogio arrivano direttamente da Vincenzo Graciotti, presidente dello stesso Comitato: «Si tratta di due grandi eventi sportivi che hanno portato ad Ancona più di 2.000. Grazie al coinvolgimento dei partecipanti ma anche del pubblico locale, le due manifestazioni hanno avuto una positiva ricaduta economica sulla filiera nautica locale, sulle strutture ricettive e sulle attività commerciali del territorio».

Allo stato attuale il Porto di Marina Dorica può essere ritenuto un polo di eccellenza per ospitare eventi velici di questa portata, garantendosi un’ottima ribalta sia nazionale che internazionale: «Non è un caso che il livello dei marchigiani nelle discipline d’acqua stia crescendo di anno in anno – continua Graciotti – Dal Trofeo CONI la nostra regione è uscita con un incoraggiante ottavo posto, un exploit reso possibile dalle performance dei nostri nello sci nautico, motonautica, vela, windsurf, nuoto e canottaggio, che vengono praticate soprattutto ad Ancona».

«Per poter supportare la crescita dello sport marchigiano anche nel mondo acquatico, è opportuno fare leva sulla sensibilità del pubblico. Per questo, la FIV Marche sta studiando la fattibilità del progetto Scuola del Mare e degli sport acquatici, una iniziativa che non ha precedenti nel nostro paese, finalizzata a diffondere sul territorio regionale la cultura e la passione per il mare. Con la Scuola del Mare gli sport d’acqua potranno allargare la loro base di notorietà, facilitando l’avvicinamento di molti giovani a discipline finora ritenute troppo costose. In questo modo in tantissimi si appassioneranno al mare e verranno, attraverso svariate attività didattiche, indirizzati ai percorsi più adatti alle rispettive attitudini. Ci piacerebbe molto che la Scuola avesse sede nel capoluogo regionale e siamo già in contatto con i rappresentanti dei circoli velici e con i gestori di Marina Dorica per valutarne la fattibilità», conclude Graciotti.