Servizio civile, il comune di Falconara cerca 12 volontari

I giovani si occuperanno dell'Informagiovani, del Museo della Resistenza, dell'Archivio storico, del censimento degli alberi e della biblioteca comunale. Le domande vanno presentate entro le ore 14 del 10 ottobre esclusivamente online

Il Castello di Falconara Alta
Il Castello di Falconara Alta

FALCONARA MARITTIMA – Servizio civile a Falconara, si cercano 12 operatori volontari. Quattro si occuperanno dell’Informagiovani, due saranno assegnati al Museo della Resistenza, altri due all’Archivio storico, cui si aggiungeranno due volontari che porteranno avanti il censimento degli alberi nell’ambito del progetto «Il patrimonio arboreo: una ricchezza da preservare» e altri due chiamati a potenziare il servizio della biblioteca comunale con «Biblioteche universali».

Per tutti l’impegno è di 12 mesi, per 25 ore settimanali distribuite su cinque giorni, con un compenso di 439,50 euro mensili. Per partecipare occorre avere un’età compresa tra i 18 e i 29 anni (28 anni e 364 giorni), essere cittadini italiani o degli altri Paesi dell’Unione Europea, oppure cittadini non comunitari regolarmente soggiornanti in Italia. Gli altri requisiti sono il possesso della patente di guida tipo B e non aver riportato condanne. Le domande vanno presentate entro le ore 14 del 10 ottobre esclusivamente online. Tutte le informazioni e la modulistica al link https://tinyurl.com/y28zdnfm.

Il Comune di Falconara ha presentato quest’anno cinque progetti (due in condivisione con altri Comuni) molto innovativi che permetteranno di incrementare i servizi offerti dall’amministrazione. Il primo progetto, dal titolo “Innovagiovani 2”, è dedicato allo sportello Informagiovani di Falconara: i volontari dovranno aiutare gli utenti nella compilazione dei curricula, nella ricerca di un’occupazione o di opportunità di finanziamenti, occuparsi della comunicazione anche via mail e sui social, della gestione del sito e della pagina Facebook dell’Informagiovani, tenendoli sempre aggiornati con offerte di lavoro e informazioni utili, in modo da incrementarne il numero di utenti. È previsto anche un servizio di aiuto nello svolgere i compiti scolastici e i volontari dovranno anche gestire i locali adibiti a questo scopo. Il secondo progetto si intitola «Un anno al museo» e sarà affidato a due operatori volontari, che dovranno gestire il Museo della Resistenza e i canali di informazione dedicati, potenziare l’orario di apertura anche attraverso visite  guidate e visite personalizzate, rivolte in particolare agli studenti dopo una serie di incontri nelle scuole. Il terzo progetto presentato dal Comune di Falconara si chiama «Archivio vivo» e prevede due posti all’Archivio storico: i volontari dovranno occuparsi, oltre che dell’attività rivolta al pubblico che comprende visite guidate e incontri nelle scuole, anche della catalogazione dei documenti.

«L’esperienza del servizio civile a Falconara era partita con due volontari – ricorda il sindaco Stefania Signorini – con gli anni i progetti sono cresciuti, hanno coinvolto altri Comuni e oggi la città è pronta ad accogliere 12 operatori. Si tratta di una bella esperienza per i ragazzi, che hanno l’opportunità di conoscere dall’interno l’opera della pubblica amministrazione e di svolgere un’attività retribuita. Il servizio civile è
una bella opportunità anche per lo stesso Comune, che ha la possibilità di ampliare i servizi ai cittadini con il contributo dei giovani e delle loro idee».