Centro Pagina - cronaca e attualità

Ancona

Scienze forensi e tecnologia a servizio della Giustizia: continuano gli incontri ad Ancona

Lo Studio legale Fusario, organizza un ciclo di incontri online, volti a «rafforzare le basi e lo sviluppo del neonato Centro per le Scienze Forensi». Molti gli ospiti invitati

Avv. Fusario

Lo Studio legale Fusario, riconosciuto nell’ultimo sondaggio Sole24ore e Statista tra gli Studi legali dell’anno 2020, organizza un ciclo di incontri on line su piattaforma zoom, dal 5 all’8 Ottobre dedicati alle scienze forensi, all’alta tecnologia e alla criminologia forense al servizio della Giustizia. Ogni sessione è accreditata dal Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Ancona per l’attribuzione di n. 2 crediti formativi per gli avvocati.

Il progetto è stato concepito dall’Avv. Mario Antonio Massimo Fusario in relazione al prossimo inserimento nell’ordinamento delle specializzazioni forensi: «Gli studi legali devono ripensare la propria organizzazione per potersi far trovare pronti per questa nuova sfida», spiega l’avvocato.

Le specializzazioni forensi, sono finalizzate a fornire un servizio professionale qualitativamente elevato, e tale rimodulazione dell’offerta del mondo forense non può essere ad appannaggio esclusivo dei grandi studi legali. A tal fine, si rende sempre più necessaria l’analisi approfondita degli strumenti scientifici e della loro valenza all’interno delle aule giudiziarie.

Gli incontri

Dopo l’incontro di lunedì 5 ottobre riguardo “Le scienze forenzi al servizio della giustizia” – con il Presidente Nazionale Aiga Avv. Antonio De Angelis e vedrà gli illustri interventi del Prof. Vanin Presidente Gruppo Italiano Entomologia Forense (GIEF), Presidente European Association for Forensic Entomology (EAFE), la dott.ssa Loredana Buscemi Medico Legale, Presidente Genetisti Forensi Italiani (GeFI), che hanno collaborato al caso Rapposelli – e quello di martedì 6 ottobre su “L’alta tecnologia al servizio della giustizia” – con il Dott. Luca Russo che analizzerà l’apporto dell’informatica forense, ovvero la branca della scienza digitale legata alle prove acquisite dadispositivi digitali – procede oggi e domani con due focus:

il primo, il giorno 7 ottobre alle ore 17.30 in tema di violenza nei confronti delle persone fragili e di genere. Il secondo, il giorno 8 ottobre alle ore 17.30 in tema di Responsabilità Sanitaria con specifico riferimento ai tempi del Covid con particolare attenzione alle tutele per gli esercenti le professioni sanitarie.

«L’obiettivo – spiega l’avv. Fusario – è quello di rafforzare le basi e lo sviluppo del neonato Centro per le Scienze Forensi, che si avvarrà di esperti provenienti da diverse discipline con cui è già consolidato il rapporto professionale. Seguiranno altri incontri di avanguardia giuridica, con il coinvolgimento di altre branche delle scienze forensi».