Centro Pagina - cronaca e attualità

Ancona

Sappanico, Foresi: «Entro fine anno affideremo gli incarichi per la progettazione»

L'assessore del comune di Ancona rassicura i residenti della frazione dorica che due giorni fa avevano protestato chiedendo maggiori attenzioni all’amministrazione. «Residenti sempre più provati e al limite della sopportazione», denuncia Gianluca Quacquarini (M5S)

ANCONA – «I fondi ci sono ed entro la fine dell’anno affideremo gli incarichi per la progettazione definitiva ed esecutiva, riguardante la demolizione del rudere di proprietà comunale a Sappanico e la realizzazione di un parcheggio». Lo ha assicurato l’assessore alle Manutenzioni Stefano Foresi, rispondendo ieri ad un’interrogazione del consigliere comunale Angelo Eliantonio (Fdi).

A due giorni dalla protesta dei residenti della frazione che hanno chiesto maggiori attenzioni all’Amministrazione, proprio di fronte alla sede del Comune, Eliantonio ha chiesto «a che punto è l’iter relativo alle demolizioni». «Ci siamo impegnati durante un’assemblea a Sappanico – ha risposto l’assessore Foresi – e stiamo cercando di rispettare gli impegni presi. Dopo la variazione di bilancio del 28 novembre, ora abbiamo i fondi disponibili per affidare gli incarichi per il progetto definitivo ed esecutivo, che comprenderà la demolizione e la realizzazione del parcheggio al posto del rudere comunale».

«Ho anche effettuato un sopralluogo con il presidente e l’ingegnere capo della Provincia a Sappanico, – ha continuato Foresi – per studiare gli interventi da eseguire, in modo da allargare la carreggiata e togliere il semaforo a senso unico alternato. La Provincia si è impegnata a fare i rilievi e a predisporre il progetto di fattibilità. Dopo le festività natalizie, è previsto un nuovo incontro». Per quanto riguarda gli immobili privati, Foresi ha spiegato che «i proprietari sono tantissimi e la situazione è più complessa».

Alcuni giorni fa i residenti, in segno di protesta, hanno anche piantato un albero di Natale sulla discarica abusiva creata dalle macerie dei ruderi. «I residenti sono sempre più provati – denuncia Gianluca Quacquarini (M5S) – e sono davvero giunti al limite della sopportazione. Sono persino dimenticati a Natale. Tanti i soldi spesi anche quest’anno dalla Giunta per gli addobbi natalizi, che però non ha previsto nessun albero e nessuna luce per Sappanico».

L’albero di Natale piantato dai residenti sulle macerie dei ruderi