Centro Pagina - cronaca e attualità

Ancona

Rubata all’ospedale di Torrette la radiografia della gamba di Valentino Rossi

Il referto della lastra ortopedica è stato rubato dal nosocomio del capoluogo dorico in cui il campione di Tavullia era stato trasferito. «Abbiamo presentato un esposto – dice Michele Caporossi, direttore generale dell’azienda Ospedali Riuniti – le indagini sono in corso e speriamo che il responsabile venga trovato il prima possibile»

Valentino Rossi

ANCONA – Rubata all’ospedale regionale di Torrette la radiografia ortopedica digitale della gamba di Valentino Rossi come si apprende dalle pagine de Il Resto del Carlino. La lastra mostra un frattura di tibia e perone e riguarda la lesione che il campione si è procurato il 31 agosto sulle colline intorno a Urbino. L’azienda Ospedali Riuniti ha presentato subito un esposto alla Procura della Repubblica di Ancona e le indagini sono state delegate alla polizia postale del capoluogo.

È un mistero come ciò possa essere accaduto. Probabilmente il colpevole è entrato nell’archivio digitale copiando il referto per poi cederlo all’esterno. Non è escluso che il responsabile possa essere un dipendente dell’azienda Ospedali Riuniti che avrebbe utilizzato la sua password per entrare nell’archivio e copiare il referto. possibile anche che qualcuno l’abbia pubblicata su un social network e ciò avrebbe fatto scattare l’indagine. «Abbiamo presentato un esposto – dichiara Michele Caporossi, direttore generale dell’azienda Ospedali Riuniti – le indagini sono in corso e speriamo che il responsabile venga trovato il prima possibile».

Valentino Rossi era infatti stato operato nella notte tra il 31 agosto e il primo settembre all’ospedale regionale di Torrette a seguito di una brutta caduta in allenamento a Borgo Pace. Il campione di Tavullia, dopo essere stato inizialmente ricoverato a Urbino, era stato trasferito nel capoluogo dorico. Qui il dottore Raffaele Pascarella, direttore dell’Unità operativa ortopedia e traumatologia, lo aveva operato alle due di notte. Un intervento pienamente riuscito, tant’è che il 2 settembre Rossi era stato dimesso.