Centro Pagina - cronaca e attualità

Ancona

Riviera del Conero, la Regione si attiva per far partire la guardia medica

Lo riferisce il consigliere regionale leghista Mirko Bilò, vicecapogruppo in Regione e commissario della Rivera del Conero, che sta seguendo da vicino la problematica

Un momento dei soccorsi della Cri al porticciolo di Numana

RIVIERA DEL CONERO – La Regione Marche è in dirittura d’arrivo per la guardia medica nella Riviera del Conero. Lo riferisce il consigliere regionale leghista Mirko Bilò, vicecapogruppo in Regione e commissario della Rivera del Conero, che sta seguendo da vicino la problematica. «Ho avuto rassicurazioni dall’Asur che sarà a disposizione. Dopo che anche la chiamata dello scorso 10 giugno è andata deserta, si punta alla quadratura del cerchio recuperando personale anche dalla chiusura delle Usca che cesseranno di essere operative da fine giugno – spiega -. La continuità assistenziale è una delle problematiche giustamente più sentite dai territori e nella nostra Riviera la domanda aumenta in modo esponenziale nella stagione estiva per gli altissimi numeri del turismo. È innegabile che subiamo le conseguenze della mancata programmazione degli ultimi 20 anni come è innegabile che la pandemia ha obbligato le Asur a dirottare personale sulla lotta al covid. Con assessorato alla Sanità e Asur stiamo cercando di ottimizzare le risorse umane e, parallelamente, di lavorare anche sul ricambio generazionale. È di queste ore lo stanziamento di quasi sette milioni di euro per borse di studio di specializzazione e, come gruppo Lega, abbiamo anche presentato una proposta di legge per abrogare il numero chiuso a medicina. Nessuno ha la bacchetta magica ma volontà e azioni per invertire la rotta sono evidenti: ci aspettiamo la massima collaborazione anche dai professionisti del settore senza i quali qualsiasi intervento non può essere efficace».

L’assistenza sanitaria in Riviera

E’ stata attivata da poco l’assistenza sanitaria per turisti nella Riviera del Conero ma non la cosiddetta guardia medica turistica. Coloro che necessitano di assistenza sanitaria al momento possono rivolgersi alla guardia medica alla Croce Azzurra di Sirolo dal lunedì al venerdì dalle 20 alle 8 e dalle 10 di sabato alle 8 di lunedì oppure ai medici di medicina generale nei rispettivi orari di ambulatorio, a Numana in via la Fenice e a Sirolo al civico 12 di via Marconi. Non basta però, secondo gli stessi operatori sanitari che ogni giorno verificano la situazione sul campo. Il più vicino punto di pronto soccorso è l’ospedale “Ss. Benvenuto e Rocco” di Osimo che registra già un surplus di arrivi, tutti codici bianchi e verdi.