Centro Pagina - cronaca e attualità

Ancona

La Riviera del Conero su Linea Verde: alle 12.20 occhi incollati alla tv

Estate oltre le aspettative a Numana, il sindaco Tombolini: «Se al 20 di settembre ci sono ancora turisti prepariamoci ad allungare la stagione»

La troupe di Linea Verde a Numana (Foto Fb: Amministrazione Comunale Numana)

NUMANA – Fra poche ore occhi incollati alla tv. Alle 12.20 sui Rai 1 andrà in onda la prima puntata della stagione 2020/2021 di Linea Verde dedicata al Parco del Conero. I conduttori Beppe Convertini e Ingrid Muccitelli, con la partecipazione di Peppone Calabrese, faranno conoscere ai telespettatori l’interessante biodiversità del territorio e la sua lunga storia. Al centro della puntata, girata ad agosto, gli scenari e i paesaggi del Parco, le sue produzioni agricole e le prelibatezze enogastronomiche, con ampie pagine dedicate ai vini rossi e spumante del Conero, all’allevamento bovino e alla pesca dei moscioli di Portonovo, i mitili tipici della Riviera. Immancabili le tappe nelle meravigliose e caratteristiche Numana e Sirolo. I conduttori andranno poi alla scoperta di Recanati per un omaggio a Giacomo Leopardi. E ancora, spazio all’artigianato e alla musica, con la produzione artigianale dell’organetto e le suggestioni della musica popolare.

Per la Riviera del Conero Linea Verde rappresenta certamente una vetrina importante e rinforza una stagione balneare che, nonostante le incertezze legate al Covid, è andata senza dubbio ben oltre le aspettative. Soddisfatto il sindaco di Numana Gianluigi Tombolini.

«È stata una stagione molto difficile, vissuta con ansia ma con grande soddisfazione perché abbiamo potuto garantire posti di lavoro, l’apertura delle attività e avere così un ritorno economico- commenta il primo cittadino-. Siamo stati il primo Comune a prendere la decisione di ricominciare gli spettacoli, ovviamente rivisti in base alle disposizioni anti Covid. Abbiamo cercato di dare la normalità a quanti sono venuti in vacanza a Numana, abbiamo trasmesso sicurezza ed efficienza. Credo che siamo riusciti a trasmettere grandi emozioni. Quest’estate il 99% dei turisti è arrivato dall’Italia e molti hanno scoperto la Riviera del Conero per la prima volta. Aver avuto così tante presenze è un investimento anche per il prossimo anno e se al 20 di settembre a Numana ci sono ancora turisti prepariamoci ad allungare la stagione».