Centro Pagina - cronaca e attualità

Ancona

Riqualificazione periferie: la Giunta approva i progetti esecutivi

Via libera al piano esecutivo complessivo del progetto e quello per l'intervento nell'ex birrificio Dreher che prevede opere per un totale di 1milione e 300mila euro. A settembre potrebbero essere avviate le gare per tutti i progetti che vedranno l'inizio dei rispettivi cantieri nel 2019

Bando periferie e area frana (Foto Comune di Ancona)

ANCONA- Passi in avanti per il programma di Riqualificazione delle Periferie Palombella_Stazione_Archi – Ingresso Nord della città per il quale il Comune di Ancona si è visto assegnare da parte del Governo 12,5 milioni di euro, già stanziati nel dicembre 2017. Proprio oggi (2 agosto) la Giunta Mancinelli ha approvato il piano esecutivo complessivo del progetto e quello per l’intervento nell’ex birrificio Dreher che prevede opere per un totale di 1milione e 300mila euro. Nella precedente seduta, il 31 luglio, la Giunta aveva dato via libera agli altri quattro interventi riguardanti Palombella (1milione e 60mila euro), Archi (1milione 940mila euro), Verrocchio (4 milioni 256 mila euro) e Piazza Crocifisso (800mila euro). A settembre potrebbero quindi essere avviate le gare per tutti i progetti che vedranno l’inizio dei rispettivi cantieri nel 2019.

Le azioni principali finanziate dal bando per la riqualificazione periferie sono: il nuovo ingresso al parco grande frana di Ancona; la riqualificazione paesaggistico-ambientale del complesso industriale ex-Dreher; l’autostazione trasporto pubblico locale e il completamento dell’edificio ex fornace Verrocchio; il quartiere ex-IACP via Marchetti (per il quale è in atto una collaborazione-compartecipazione con Erap) con manutenzione straordinaria di spazi pertinenziali ed edifici; l’intervento in piazza del Crocifisso – quartiere Archi con miglioramento della qualità e del decoro urbano della periferia storica; l’intervento sul viale di accesso alla periferia storica – quartiere Archi con il miglioramento della qualità e del decoro urbano della periferia; la realizzazione del social lab_Archicittà” con edilizia sociale grazie alla ristrutturazione/nuova edificazione di infrastrutture destinate ai servizi sociali, culturali, educativi.