Centro Pagina - cronaca e attualità

Ancona

Riqualificazione parco dei Laghetti, A2O: «Non siamo stati coinvolti nel progetto»

La giunta ha approvato il progetto da 750mila euro per la manutenzione straordinaria nella zona compresa tra la pista di pattinaggio e l'area della piscina comunale per migliorare le condizioni di fruibilità e di decoro

Rendering dei Laghetti

ANCONA- L’acqua tornerà a caratterizzare il parco dei Laghetti al Passetto, saranno abbattute le piante malate, piantati nuovi alberi e arbusti da fiore, installati nuovi arredi e nuovi giochi. Dopo la riqualificazione dell’ascensore e di piazza IV Novembre, la giunta ha approvato il progetto da 750mila euro per la manutenzione straordinaria nella zona compresa tra la pista di pattinaggio, i laghetti e l’area della piscina comunale per migliorare le condizioni di fruibilità e di decoro. Il restyling potrebbe essere completato per la prossima primavera. La riqualificazione del parco dei Laghetti è un progetto a cui i ragazzi di A2O tengono particolarmente e per il quale si sono dati molto da fare prendendosi cura dell’area.

«Siamo molto contenti perché è dal 2014, quando abbiamo iniziato a lavorare nel parco, che spingiamo con forza per la sua riqualificazione. Quando alcuni anni fa si è paventata l’ipotesi dell’interramento dei laghetti coprendoli con delle piante ci siamo opposti, chiedendo invece di riportare l’acqua e i pesci. Siamo soddisfatti di aver raggiunto anche questo obiettivo, dopo la messa a norma della pista di pattinaggio e il restauro della pista delle biglie finanziato dal Rotary, mancava solo questo tassello. Sono almeno 15 anni che manca l’acqua nelle vasche e senza, il parco dei laghetti non avrebbe motivo di chiamarsi in questo modo. Inoltre, molti cittadini ci hanno chiesto di riportare l’area come era un tempo- spiega Pier Francesco Berardinelli, presidente di A2O.

 

Pier Francesco Berardinelli, presidente A2O

Dall’altra parte però siamo dispiaciuti per non essere stati coinvolti in questo progetto di riqualificazione. È un’occasione persa per noi e per gli stessi cittadini in quanto l’associazione è da anni che si occupa del parco e può dare un contributo. Noi abbiamo delle idee per quell’area, conosciamo le problematiche come ad esempio la necessità di bagni pubblici. Abbiamo in mente dei progetti per portare tutte le fasce d’età ad usufruire del parco, ora maggiormente frequentato da bambini per via dei giochi e della piscina: si potrebbe creare un percorso vita per coinvolgere le persone che fanno jogging in centro. Inoltre, più il parco è frequentato minore è la possibilità di atti vandalici. Sarebbe stato di buon senso coinvolgere A2O in questo progetto di riqualificazione per questo abbiamo scritto all’assessore Foresi».

Rendering dei Laghetti

Oltre al recupero dei laghetti, che saranno in versione bio, il progetto mira a salvaguardare e a valorizzare le visuali panoramiche, a potenziare l’area giochi con l’introduzione di giochi anche per bambini con disabilità, a sostituire l’asfalto una nuova pavimentazione ecologica già presente al parco della Cittadella e al parco Belvedere di Posatora. Inoltre sarà potenziata l’illuminazione e le panchine in pietra saranno protette con un trattamento antigraffiti. Per quanto riguarda la manutenzione del verde, oltre allo sfalcio delle siepi, saranno abbattute le piante malate e piantati nuovi alberi. Saranno utilizzate specie tipiche della macchia mediterranea, come ad esempio Corbezzolo, Fillirea,  Mirto e l’Oleandro.

L’acqua tornerà nelle vasche dei laghetti per questo è previsto un intervento di impermeabilizzazione del fondo vasche e la sostituzione degli apparati idraulici obsoleti, nuove staccionate in legno e la manutenzione delle balaustre in ferro esistenti. Verranno inoltre effettuati dei lavori di manutenzione delle scalinate e marciapiedi esistenti. Infine, saranno recuperate le due piattaforme poste davanti all’ingresso della zona piscine, un tempo utilizzate dal bar per aperitivi e balli.