Centro Pagina - cronaca e attualità

Ancona

A Remo Baldoni, “l’uomo che non teme pericolo per aiutare gli altri”, il Premio Internazionale della Bontà

Il presidente dell'associazione Servizio di strada onlus è stato insignito del "Premio Internazionale della Bontà" a Venezia

Remo Baldoni

ANCONA- Lo abbiamo incontrato in piena pandemia, impegnato a aiutare gli invisibili della società, i poveri, i senzatetto. Forniva loro pasti caldi, coperte e aiuto. Parole di conforto, in un momento in cui il terribile Covid-19 separava le persone alimentando gli egoismi e le solitudini. Remo Baldoni, 75 anni, il presidente dell’associazione Servizio di Strada onlus, è stato insignito di un premio più che prestigioso, che gli rende merito per la grande generosità dimostrata sempre e in particolar modo durante la pandemia. A Venezia, alla chiesa di Santa Maria di Nazareth (Chiesa degli Scalzi) nell’ambito della “Giornata del cuore” ha ricevuto il “Premio Internazionale della Bontà 2021”, tramite il quale il Comitato della Croce di Cavarzere assegna ogni anno un riconoscimento a chi si è reso disponibile ad aiutare il prossimo con coraggio e generosità.

Nato come un mezzo di promozione dei piccoli eroismi della vita di tutti i giorni, è diventato – grazie anche alla preziosa collaborazione delle Forze dell’ordine e di organizzazioni regionali – uno strumento per rendere note vicende di una quotidianità molto difficile e impegnativa che altrimenti resterebbero nel silenzio. Il Comitato della Croce di Cavarzere presieduto da Fiorenzo Tommasi, persegue da circa vent’anni due finalità: offrire in modo disinteressato solidarietà a chi soffre e diffondere la cultura della legalità, soprattutto verso i giovani.

Nella ventunesima edizione del Premio, celebrata l’11 settembre, il ricordo commosso di tutti i presenti è andato alle vittime della strage delle Torri Gemelle. Tra i partecipanti, anche una delegazione dei Vigili del fuoco della Guarnigione Army Garrison Italy di stanza alla Camp Ederle di Vicenza. La cerimonia, come detto è organizzata annualmente dal Comitato della Croce, con la collaborazione della Polizia di Stato e Fervicredo l’Associazione nazionale dei feriti e vittime della criminalità e del dovere. Presentata da Nicla Sguotti e Mauro Gobbi, ha visto la partecipazione del vice presidente del sindacato comparto sicurezza Fsp Polizia di Stato Franco Maccari e del presidente nazionale Fervicredo Mirko Schio, intervenuto insieme al presidente di Fervicredo Marche Paolo Petracca. Molti i momenti toccanti, sottolineati dal soprano Jessica Rizzato, con testimonianze di chi ha voluto ricordare il sacrificio dei tanti, vittime del terrorismo, della mafia, del dovere e di ogni forma di criminalità per affermare i valori della legalità e della giustizia. In questo contesto, la premiazione dei meritevoli di questo riconoscimento, tra cui un emozionatissimo Remo Baldoni, definito nella menzione d’onore “un uomo che non teme pericolo per aiutare gli altri”.

Remo Baldoni e il presidente di Fervicredo Marche Paolo Petracca


«Baldoni, presidente dell’Associazione Servizio di strada onlus nei mesi peggiori della pandemia da Coronavirus non ha mai rinunciato ad aiutare i poveri, mettendo a serio repentaglio la sua vita – ha detto Nicla Sguotti nel far conoscere Remo Baldoni ai tanti presenti – mentre la maggior parte degli anconetani era davanti alla tv, convinta che le uniche vite da salvare fossero quelle dentro gli ospedali, il 75enne Remo Baldoni non ha mai smesso di uscire di casa per incontrare i clochard e trovare loro un riparo dalla fame e dal gelo dell’inverno, nonostante le sue condizioni di salute non siano ottimali. E se qualcuno gli chiedesse il perché di tanto rischio in un momento così difficile, lui risponderebbe con gli occhi colmi di tenerezza e con una certa commozione che, pur essendo classificato come “un soggetto fragile”, aiutare i più bisognosi gli infonde coraggio e lo ricolma di una ricchezza interiore che solo nel povero ha la sua massima purezza». Insomma Remo Baldoni interpreta appieno e con semplicità le parole di Madre Teresa di Calcutta “anche una sola goccia di bontà rende più buono il mondo”. La conclusione della cerimonia, con la Santa Messa celebrata da padre Piero Rizza, cappellano provinciale della Polizia di Stato di Venezia.

Remo Baldoni con la pergamena
La cerimonia alla Chiesa di Santa Maria di Nazareth a Venezia