Raffineria, la giunta dice sì al tavolo di confronto e potenzia l’osservatorio

Coinvolti nel confronto tutti i soggetti istituzionalmente competenti anche le organizzazioni sindacali e dei cittadini. Obiettivo: ottenere una chiara conoscenza multidisciplinare dello stato attuale del sito di Falconara

Raffineria Falconara

ANCONA – È stata approvata all’unanimità dall’assemblea legislativa una risoluzione sulla situazione venutasi a creare nel territorio di Falconara dopo la fuoriuscita di sostanze petrolifere dalla raffineria Api (leggi l’articolo). L’atto ha preso le mosse da una mozione presentata in precedenza dai Presidenti del Consiglio, Mastrovincenzo, e delle Commissioni ambiente e sanità Biancani e Volpini.

La Giunta viene impegnata a “costituire un tavolo fra tutti i soggetti istituzionalmente competenti per i vari ambiti coinvolti, con il coinvolgimento periodico delle organizzazioni sindacali e dei cittadini, allo scopo di ottenere una chiara conoscenza multidisciplinare dello stato attuale del sito; valutare l’efficacia delle attività di messa in sicurezza e bonifica ambientale in corso; verificare l’adeguatezza del piano di emergenza a tutela dei lavoratori, dei cittadini; definire linee guida per affrontare le problematiche ambientali esistenti e future”.

L’esecutivo viene anche chiamato a potenziare la struttura dell’Osservatorio epidemiologico ambientale dell’Arpam, “favorendo le migliori forme di integrazione con le strutture competenti del Servizio salute della Regione” e a creare una pagina internet sul sito della stessa Regione, sul quale riportare le informazioni, i dati ed i risultati ottenuti nello svolgimento delle attività del tavolo”. Contestualmente formulata la richiesta di azioni utili “a tutelare l’ambiente, a salvaguardare la salute dei cittadini e l’occupazione nel sito”. Infine, la Giunta è invitata a sollecitare la proprietà per quanto riguarda la presentazione di “un radicale piano di riconversione del sito verso attività ambientalmente sostenibili”. Tutto questo anche in considerazione del fatto che nei prossimi giorni la stessa Regione dovrà esprimere il parere di competenza nella Conferenza dei servizi per il rinnovo dell’Aia (Autorizzazione Integrata Ambientale).

Nella risoluzione si ribadisce che “le organizzazioni sindacali e le Rsu aziendali, con grande senso di responsabilità, hanno evidenziato episodi di assoluta gravità, che hanno avuto un impatto enorme nei confronti della popolazione e hanno messo a serio rischio la salute e la sicurezza dei lavoratori”.

L’approvazione dell’atto è stata anticipata da una relazione, chiesta dal Presidente Mastrovincenzo, dell’assessore Angelo Sciapichetti, che ha fornito il quadro della situazione alla luce di iniziative, incontri tecnici e rilevazione di dati, anche in riferimento alle possibili ripercussioni per la salute dei cittadini. Nel pomeriggio, invece, la prevista riunione congiunta delle Commissioni ambiente e sanità, presiedute rispettivamente da Andrea Biancani e Fabrizio Volpini. La convocazione dell’incontro era stata sollecitata dallo stesso Mastrovincenzo subito dopo l’accaduto.