Centro Pagina - cronaca e attualità

Ancona

Primo Maggio, che si fa? Occhio al meteo, poi gite ed escursioni ma non in comitiva

Passeggiate nella natura, visite ai musei ma solo su prenotazione, mascherina sempre indossata e occhio al meteo: tanti suggerimenti per un tour della nostra regione

Il Parco dei Sibillini

Primo Maggio in zona gialla: per il secondo anno tocca programmare i festeggiamenti facendo i conti con la pandemia ancora in atto e con gli accorgimenti (necessari) per godersela un po’ senza rischi. Con le riaperture e l’allentamento delle misure restrittive, magari questo primo weekend di maggio può essere meno disastroso dei mesi che lo hanno preceduto. Vi proponiamo una mappa degli itinerari possibili per trascorrere fuori, in famiglia e con pochi amici (sono vietate le comitive numerose) il weekend del Primo Maggio, tra location incantevoli, paesaggi naturali, musei e tour enogastronomici della nostra regione, ma sempre occhio al meteo.

A Jesi ristoranti, pizzerie e bar si sono organizzati con dehors e spazi all’aperto per offrire, oltre a menù speciali per il Primo Maggio, anche una valida alternativa gastronomica alla routine casalinga ai fornelli di questo lungo periodo. Per chi volesse fare un tuffo nella storia, ha riaperto i battenti il Museo Stupor Mundi in piazza Federico II. Nel fine settimana, sabato e domenica, come da normativa, il museo aprirà solo su prenotazione, che dovrà essere effettuato almeno 24h prima, con seguente orario: dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 21. Per i bambini, proprio nel weekend, è in programma una bella iniziativa in collaborazone con Mitama, Educational Partners di tutti i servizi didattici del Museo Federico II Stupor Mundi. Si tratta del laboratorio “Viaggio nell’arazzo di Bayeux. Raccontare con le immagini”. L’Arazzo di Bayeux è uno straordinario manufatto di epoca medievale che spesso viene mostrato nei filmati all’interno delle sale dello Stupor Mundi per raccontare fatti legati al popolo normanno. I bimbi prenderanno parte a “Crea il tuo fumetto!” poiché l’Arazzo di Bayeux viene considerato da alcuni come un primitivo fumetto in quanto vuole raccontare, attraverso le immagini, una storia. Il laboratorio didattico partirà dalla lettura e dall’analisi di questo straordinario manufatto con collegamenti al mondo fumettistico fino ad arrivare alle odierne “strip”. Saranno poi i ragazzi, avendo in dotazione materiale specifico a realizzare il proprio fumetto partendo proprio dai personaggi e dalle immagini dell’antico Arazzo. (Costo a partecipante 5€, età consigliata dai 6 ai 12 anni).

L’ingresso al Museo Federico II Stupor Mundi

Oppure tutti alla Riserva Naturale Ripa Bianca, che propone un’attività adatta ai bambini: “Curiosi di Natura”, avventura alla scoperta del bosco e del fiume. Ai visitatori sarà consegnato un taccuino con una traccia per esplorare gli ambienti che in questa stagione offrono bellissime esperienze in natura. Per bambini dai 6 agli 11 anni. (Costo 5 euro a famiglia), orari: Sabato 1 maggio e domenica 2 maggio dalle 10 alle 12,30 e dalle 15 alle 19. Prenotazione obbligatoria.

Ad Ancona, sempre suggestiva una passeggiata sulla riviera del Conero, nel Parco naturale del Conero, tra mare, natura e spiagge tra le più belle delle Marche. L’associazione Il Ponticello (www.ilponticello.net) propone escursioni mirate anche nelle Grotte romane.  Saranno aperte alle visite anche la Mole Vanvitelliana, la Pinacoteca civica, il Museo archeologico, il Museo Omero e il teatro delle Muse. Boom di prenotazioni nei ristorantini di Portonovo.

Gradara

A Pesaro Urbino sarà possibile visitare la mostra della Fondazione Pescheria che rientra nel programma di celebrazioni di Pesaro per i 700 anni dalla morte di Dante Alighieri. “Light My Fire. Dante e l’arte: una lunga storia d’amore”, a cura di Marcello Smarrelli.

Sempre ricca di fascino la Rocca di Gradara al confine tra Marche e Romagna, che attrae grandi e piccoli. Ristoranti e botteghe aperti, musei aperti su prenotazione ma soprattutto un salto nella leggenda degli amanti dannati Paolo e Francesca.


A Macerata sarà possibile fare una passeggiata sull’altopiano del Macereto per visitare il Santuario, così come certamente sarà gettonatissimo anche quest’anno il Santuario della Madonna dell’Ambro, nel Fermano, con un’escursione nella Gola dell’Infernaccio, nella Grotta della Sibilla e al lago di Pilato, nei sentieri che si snodano sui Monti Sibillini. Oppure, in particolare con i bambini, è possibile visitare le Cisterne Romane, la Sala del Mappamondoe iMusei Scientifici.

Ascoli Piceno con il suo affascinante centro storico si apre alla possibilità delle visite nei Musei, dal Forte Malatesta, alla Galleria d’arte contemporanea Licini, la Pinacoteca civica, il Museo dell’Alto Medioevo e il Museo della Ceramica.

Se il nostro Primo Maggio è all’insegna dello svago in famiglia e in particolare se vogliamo soprattutto far stare bene e all’aria aperta i nostri bambini, vi consigliamo di spulciare il sito MammeMarchigiane.it, in cui Silvia Alessandrini Calisti ci conduce per mano in itinerari family friendly e a misura di bambino, anche in questo weekend. Ci propone ad esempio il parco “Il Regno del Maz” a Recanati, parco di 4 ettari, immerso nella campagna recanatese, che propone diverse attività per bambini e adulti, che questo weekend organizza la Passeggiata letteraria con possibilità di restare nel parco (anche per un pic-nic) sia prima che dopo l’evento (prenotazione obbligatoria al 333 7135760 e dotazione obbligatoria di mascherina). Costo dell’esperienza: gratis fino a 6 anni, acquisto di un libro a scelta della collana “Leggiamo le Marche” dai 7 anni compiuti in su (i libri hanno un prezzo variabile dai 5 ai 15 euro). Rimanendo a Recanati, la Casa di Giacomo Leopardi e il Colle dell’Infinito sono sempre uno degli itinerari più affascinanti e scelti.  

A San Benedetto del Tronto, gettonata una visita al Museo del Mare e alle sue quattro sezioni presso il Mercato Ittico in Zona Porto e la Pinacoteca del Mare di Palazzo Piacentini.