Centro Pagina - cronaca e attualità

Ancona

Primi abbandoni di mascherine e guanti. Chi è positivo al Covid-19 deve gettare i rifiuti nell’indifferenziata

Cambiano le regole della raccolta differenziata e le modifiche devono essere recepite da tutti i cittadini serviti da AnconAmbiente nei comuni di Ancona, Fabriano, Sassoferrato e Serra De’ Conti

ANCONA – Chi è positivo al Coronavirus deve gettare tutti i rifiuti nel contenitore dell’indifferenziata. Cambiano le regole della raccolta differenziata su tutto il territorio nazionale a causa della pandemia Coronavirus e, ovviamente, le modifiche devono essere recepite da tutti i cittadini serviti da AnconAmbiente nei comuni di Ancona, Fabriano, Sassoferrato e Serra De’ Conti. Nel frattempo si stanno registrando i primi abbandoni di mascherine e guanti nel territorio di Ancona e AnconAmbiente denuncia che questi abbandoni sono «assolutamente vietati, pericolosi e intollerabili».

Antonio Gitto

Per non correre rischi, l’Istituto superiore di Sanità ha messo a punto una guida pratica con nuove regole soprattutto per chi è in isolamento domiciliare, poiché risultato positivo al Covid – 19. «Per tutti coloro che sono positivi al Coronavirus – spiega il Presidente di AnconAmbiente Antonio Gittoi rifiuti non devono essere differenziati, vanno chiusi con due o tre sacchetti resistenti e gli animali domestici non devono accedere nel locale in cui sono presenti i sacchetti. Tutti i rifiuti (plastica, vetro, carta, umido, metallo e indifferenziata ndr) vanno gettati nello stesso contenitore utilizzato per la raccolta indifferenziata. Anche i fazzoletti o i rotoli di carta, le mascherine, i guanti, e i teli monouso vanno gettati nello stesso contenitore per la raccolta indifferenziata. È importante usare guanti monouso, chiudere bene i sacchetti senza schiacciarli con le mani utilizzando dei lacci di chiusura o nastro adesivo. Una volta chiusi, i guanti usati vanno gettati nei nuovi sacchetti preparati per la raccolta indifferenziata».

Roberto Rubegni

«Se non si è positivi al Covid – 19 – spiega Roberto Rubegni Amministratore Delegato di AnconAmbiente – la raccolta differenziata può continuare come sempre, usando però l’accortezza, di smaltire i fazzoletti di carta nella raccolta indifferenziata. Una particolare raccomandazione a tutti coloro che, pur non essendo positivi al virus, utilizzano mascherine e guanti, ci sono già segnalazioni ad Ancona di pericolosi abbandoni di questi materiali. Le mascherine e i guanti utilizzati da tutti debbono essere riportati presso le proprie abitazioni e smaltiti in due o tre sacchetti, uno dentro l’altro, chiusi molto bene e conferiti nel contenitore della raccolta indifferenziata. Chiedo la massima collaborazione da parte di tutti i cittadini al rispetto di queste nuove norme e vi invito a riflettere che gli addetti di AnconAmbiente stanno lavorando anche in questo momento con la massima cura, spirito di sacrificio, professionalità e abnegazione per garantire un servizio di pubblica utilità in condizioni di assoluta emergenza».

AnconAmbiente ha anche deciso di chiudere tutti i Centri di Raccolta e gli uffici aperti al pubblico fino al 3 aprile. Sono quindi chiusi i CentrAmbiente di Ancona, sia quello di via del Commercio n. 27, che quello di via Sanzio Blasi a Posatora, e quelli gestiti dall’azienda nelle città di Fabriano e Sassoferrato, ad eccezione di quello di Serra De’ Conti che, per la sua particolare modalità di gestione della raccolta, rimarrà aperto grazie alla collaborazione della Protezione Civile.