Centro Pagina - cronaca e attualità

Ancona

Ancona, pranza al ristorante ma non ha i soldi per pagare: arrivano i carabinieri

È successo in corso Mazzini, in pieno centro. Un 38enne ha consumato diverse pietanze e quando è stato il momento di saldare il conto ha detto che aveva smarrito il bancomat

carabinieri

ANCONA – Primo, secondo, contorno, caffè e anche il dolce. Aveva mangiato un pranzo completo un 38enne che ieri si è poi trovato senza soldi contanti per pagare il dovuto ad un ristorante di corso Mazzini, in pieno centro di Ancona. 
«Sono 30 euro», le ha detto il personale di servizio al momento di presentargli il conto. Erano da poco passate le 15. Lì l’uomo ha riferito che aveva perso il bancomat nei giorni scorsi e stava aspettando che la propria banca gli consegnasse una nuova tessera. Non poteva quindi pagare così ha tirato fuori un blocchetto degli assegni per adempiere con quelli. Ma in cassa gli è stato detto che la struttura non accettava assegni come forme di pagamento.

La situazione si è fatta pesante tanto che dal ristorante il titolare ha chiamato i carabinieri segnalando il problema. Sul posto è arrivata una pattuglia di militari della Compagnia di Ancona che ha sentito le parti. I carabinieri hanno identificato il cliente che ha spiegato le sue ragioni.

Dal ristorante non hanno gradito che l’uomo non lo abbia detto prima del problema del bancomat e della sua volontà di pagare con un assegno considerando il gesto un po’ una furberia. Alla fine il 38enne si è accordato che non appena riavrà il bancomat tornerà a pagare il dovuto.
Il ristorante attenderà i giorni pattuiti dopodiché, se il conto non sarà saldato, potrà decidere di denunciare l’uomo per insolvenza fraudolenta.