Centro Pagina - cronaca e attualità

Ancona

Povertà educativa, ad Ancona il focus sulle life skills e sul progetto “Intrecci educativi”

All'Accademia PoliArte l'incontro per illustrare i risultati delle attività volte a creare una rete di agenzie per contrastare i disagi minorili e a sviluppare le proprie abilità. Oltre 40 i partner coinvolti, compresa la Regione Marche

ANCONA – Si terrà giovedì 14 ottobre la conferenza finale del progetto “Intrecci educativi” promosso dalla cooperativa Nuova Ricerca Agenzia Res per contrastare la povertà educativa. L’iniziativa, che si svolgerà ad Ancona, nell’Accademia di belle arti Poliarte in via Valle Miano a partire dalle ore 16:30, vedrà sedersi attorno a un tavolo esperti del mondo dell’istruzione, dell’educazione e della formazione nonché esponenti della Regione Marche e delle istituzioni coinvolte, dagli istituti comprensivi ai comuni, fino alle cooperative sociali e agli organismi di terzo settore.

Un appuntamento importante, dalla duplice valenza. Sarà l’occasione per conoscere i risultati di un progetto che, dopo due anni di attività in scuole e centri di aggregazione giovanili, ha creato delle comunità educanti dentro e fuori gli istituti scolastici; lo scopo è quello di permettere agli oltre 2000 giovani in condizioni di povertà educativa di apprendere e rafforzare le competenze di vita, le cosiddette life skills. Ma sarà anche l’opportunità di approfondire grazie a due nuove pubblicazioni il ruolo e l’importanza delle comunità educanti, a partire da famiglia e scuola, e della formazione degli agenti educativi.

Alla base del progetto c’è quella rete di agenzie che coinvolge ovviamente scuola e famiglia, ma anche servizi assistenziali dei comuni e associazioni di terzo settore. Una rete che si occupa di minori, della loro educazione e formazione. Condividere una modalità operativa non è solo sedersi attorno a un tavolo ma è la strategia per poter ottimizzare gli interventi sui ragazzi delle scuole primarie e secondarie di primo grado che vivono in condizioni di povertà educativa: sono infatti loro, al centro del progetto promosso dalla cooperativa Nuova Ricerca Agenzia Res e finanziato dall’impresa sociale “Con i Bambini”.

Tra le attività proposte vi sono tanti laboratori portati avanti all’interno delle scuole, nei centri di aggregazione giovanile, negli oratori, in famiglia e nell’ambito dei campi estivi con lo scopo di apprendere le competenze cognitive e non, di interagire correttamente con i propri pari e coetanei e soprattutto di coltivare le proprie abilità che serviranno nel corso della vita.

L’iniziativa di giovedì 14 ottobre prenderà il via alle ore 16:30 con l’intervento di Stefano Ranieri, responsabile formazione della cooperativa Nuova Ricerca Agenzia Res sul progetto “Intrecci educativi”; seguiranno quelli di Susy Sartini (Cooss Marche) sul ruolo della scuola all’interno della comunità; di Donatella Gualerni (Utopia) sugli attivatori di comunità, quelle figure di mediazione con le istituzioni; e di Stefano Casulli (Centro culturale Fonti San Lorenzo) con un focus sulla formazione degli attori locali nell’ambito del progetto.

Alle 17:30 spazio a una tavola rotonda per discutere i risultati del progetto e dialogare con le istituzioni: vi prenderanno parte Giovanni Santarelli, dirigente dei servizi sociali della Regione Marche; Simone Longhi del coordinamento oratori marchigiani e Diego Mancinelli, coordinatore del Forum Terzo Settore. Modera l’incontro Giuseppina de Angelis.
Maggiori informazioni sul sito: www.agenziares.it, sulla pagina facebook del progetto: Facebook.com/Intrecci-Educativi-396083441242421 o via mail a info@agenziares.it.