Centro Pagina - cronaca e attualità

Ancona

Porto di Ancona, nuovo record: più di 7mila crocieristi in una settimana

Con quattro crociere in soli sette giorni, il calendario degli attracchi nello scalo dorico, nel 2019, arriva a quota 52 toccate, sei in più rispetto alle 46 previste inizialmente. Rodolfo Giampieri: «Le crociere realtà consolidata per Ancona e le Marche»

ANCONA – Quattro crociere in una settimana al porto di Ancona con circa 7.100 passeggeri: ieri la crociera luxury Sirena, venerdì Msc Sinfonia, sabato e domenica due navi della compagnia di navigazione inglese Marella Cruises. Il calendario delle crociere 2019 arriva così a quota 52 toccate, sei in più rispetto alle 46 previste inizialmente. Un nuovo record per lo scalo dorico sempre più inserito nelle rotte internazionali crocieristiche del mare Adriatico e del Mediterraneo. Questo maggior numero di arrivi consente di ipotizzare un incremento di numero di crocieristi per questa stagione, rispetto al 2018, con più di 100 mila passeggeri stimati rispetto agli oltre 67 mila dello scorso anno.

Msc Sinfonia
(Foto: Autorità di Sistema)

Al terminal crociere è arrivata ieri la nave Sirena della compagnia di navigazione Oceania Cruises, specializzata nel segmento di lusso. Un nuovo attracco “luxury”, giunta da Venezia e diretta a Bari, con a bordo circa mille persone fra crocieristi ed equipaggio. Venerdì 6 settembre tornerà Msc Sinfonia, che attraccherà ad Ancona ogni settimana fino al 22 novembre. La compagnia di navigazione Msc Crociere ha aumentato quest’anno la sua presenza nello scalo salendo dalle 20 toccate del 2018 alle 28 di questa stagione. Msc Sinfonia, con a bordo circa 2.500 persone, fra crocieristi e componenti dell’equipaggio, arriverà alle 9 da Dubrovnik, in Croazia, e ripartirà, dopo una lunga di giornata di turismo per i passeggeri nel capoluogo marchigiano e in tutta la regione, alle 18 per il porto di Venezia. Per i crocieristi, saranno a disposizione i servizi di “Welcome to Ancona”, il progetto di accoglienza coordinato dalla Camera di Commercio delle Marche, capofila di un gruppo di soggetti privati e pubblici fra cui Comune di Ancona, Regione Marche e Autorità di sistema portuale del mare Adriatico centrale.

Marella Explorer 2

Doppio appuntamento nel fine settimana con la compagnia inglese Marella Cruises. Sabato 7 settembre arriverà Marella Celebration e domenica 8 settembre Marella Explorer 2, la nave che ha aperto la nuova stagione crocieristica il 5 maggio. Marella Celebration, con a bordo 1.800 persone circa, arriverà sabato alle 8 dalla croata Hvar e ripartirà alle 18 per Venezia. La “sorella” Marella Explorer 2 arriverà domenica alle 8 da Venezia e ripartirà alle 18 per Dubrovnik. Marella Cruises ha inserito in questa stagione una seconda nave per Ancona, la Marella Explorer 2 oltre alla Marella Celebration, più che raddoppiando gli approdi, dai 7 del 2018 ai 17 di quest’anno. In questo mese, ci saranno anche due toccate della nave Aegean Odissey.

Rodolfo Giampieri, presidente dell’Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Centrale

«Per il 2019, si stima il superamento della soglia dei 100 mila crocieristi. Un risultato importante – dice Rodolfo Giampieri, presidente dell’Autorità di sistema portuale – ottenuto grazie ad un grande lavoro di squadra di tanti soggetti diversi che, tutti insieme, credono fortemente nello sviluppo di questo segmento turistico, il cui valore è certificato dai numeri in crescita. Le crociere, per il porto di Ancona, sono una realtà che si sta consolidando nel traffico internazionale di settore e rappresentano una grande opportunità di apertura al turismo per la città di Ancona e per tutta la regione». La crescita costante delle toccate delle navi da crociera, «anche del segmento del lusso, dimostra l’interesse crescente per il nostro porto, per tutti i servizi offerti ai crocieristi e ai passeggeri dei traghetti e per un territorio sempre più conosciuto sui mercati esteri turistici per la sua unicità, qualità e bellezza. Un’occasione che richiede a tutto il sistema di migliorare sempre più l’offerta dell’accoglienza perché molte di queste persone, di cui tantissime straniere, visitano le Marche per la prima volta e la scommessa è che possano decidere, grazie al fascino di questa regione, di tornare presto come turisti».