Centro Pagina - cronaca e attualità

Ancona

Il porta a porta arriva nelle frazioni di Varano e Montacuto

Il servizio di raccolta domiciliare di AnconAmbiente partirà lunedì 5 ottobre ed entro la fine dell'anno sarà esteso anche al Poggio e a Massignano. Il Comune di Ancona mira a raggiungere l’obiettivo del 65% di raccolta differenziata

Un momento della conferenza stampa

ANCONA- Da lunedì 5 ottobre parte il porta a porta nelle frazioni di Varano e Montacuto. Con l’estensione del servizio di AnconAmbiente, il Comune di Ancona mira a raggiungere l’obiettivo del 65% di raccolta differenziata. La raccolta domiciliare riguarda carta, plastica e indifferenziato che vengono ritirati in determinati giorni della settimana. Organico e vetro vengono invece raccolti con contenitori carrellati di prossimità, quindi è possibile conferire il rifiuto in qualsiasi momento della giornata. In questi giorni sono stati consegnati agli utenti (660 a Varano e 250 a Montacuto) dei mastelli da 50 litri per carta, plastica e indifferenziato e sacchi da 80 litri.

I cittadini dovranno esporre i bidoni nel giorno del ritiro dalle 05 alle 12: la carta il lunedì, la plastica il mercoledì e il sabato l’indifferenziato. Il ritiro avverrà nel pomeriggio. Per gli utenti con particolari esigenze che ne faranno richiesta, ad esempio che devono disfarsi di pannolini e pannoloni, saranno posizionati dei cassonetti carrellati. Per le prime due settimane dall’avvio del porta a porta è prevista la presenza contemporanea dei vecchi cassonetti, poi saranno rimossi.

Entro la fine dell’anno il servizio di AnconAmbiente di raccolta domiciliare sarà esteso anche al Poggio e a Massignano: esposizione dei contenitori dalle 20 della sera precedente alle 4 del giorno del ritiro: l’indifferenziato il martedì, la plastica il giovedì e carta/cartone il venerdì. La spazzatura sarà ritirata il mattino. All’inizio del 2021 la raccolta porta a porta arriverà invece nelle frazioni a nord di Ancona.

«Partiamo il 5 ottobre da Montacuto e Varano. Il servizio comprende anche la strada provinciale del Conero in quanto lì ci sono ancora i vecchi cassonetti dell’indifferenziata che vengono utilizzati per scaricare i rifiuti anche da automobilisti di passaggio provenienti da altri comuni- spiega l’assessore all’Ambiente Michele Polenta-. Questo servizio si aggiunge ad altre iniziative messe in campo per raggiungere l’obiettivo del 65% della raccolta differenziata. Ricordo la chiusura con lucchetti dei cassonetti dell’indifferenziata in centro e la campagna “Se potessi avere…” con il comico Rana per incrementare l’organico di 1,5 kg a settimana a famiglia. Con queste azioni abbiamo guadagnato due punti percentuali e a fine agosto la raccolta differenziata ha raggiunto il 60%. Ora con le frazioni, pensiamo di poter arrivare all’obiettivo del 65%. Ciò consentirà al Comune di Ancona di pagare l’ecotassa in misura ridotta».

«Le frazioni contano 10 mila residenti, sono il 10% della popolazione di Ancona. Ci aspettiamo che con l’estensione del porta a porta, la percentuale di raccolta differenziata salga subito- afferma Antonio Gitto, presidente AnconAmbiente S.p.A.-. Occorre senso civico e senso di responsabilità da parte dei cittadini. Tengo a sottolineare che la nuova operatività sarà gestita dalle risorse in house di AnconAmbiente quindi, non genereranno alcun incremento di costo a bilancio della società».

L’avvio del servizio nelle frazioni di Varano e Montacuto è stato preceduto da degli incontri con i cittadini. «Ad oggi nelle frazioni l’indifferenziata si attesta al 23% è quindi importante operare questo cambiamento- commenta l’assessore alla Partecipazione Democratica, Stefano Foresi-. È stata fatta un’informazione preventiva, sono stati fatti sopralluoghi andando a capire quali sono le problematiche che andremo a risolvere».