Ponte del 25 aprile alla Mole e a Frontone

Ponte del 25 aprile all'insegna dell'arte alla Mole Vanvitelliana dove sarà possibile ammirare i capolavori della mostra Ecce Homo e del Museo Omero. Visitabile anche la mostra multisensoriale, Bello e Accessibile, nel Castello di Frontone

Ponte del 25 aprile alla Mole Vanvitelliana

ANCONA – La Mole Vanvitelliana, ideata da Luigi Vanvitelli nella prima metà del ‘700 come lazzaretto, magazzino e pentagono difensivo a mare, è oggi un vivo centro culturale che ospita installazioni, mostre e il Museo Omero. In particolare la mostra Ecce Homo si avvicina alla chiusura prevista per il 7 maggio e sarà possibile approfittare di questi giorni di festa per osservare da vicino alcuni capolavori della scultura di figura moderna e contemporanea.

Sabato 22 aprile e domenica 23 aprile, guide speciali della Mole Vanvitelliana e della mostra Ecce Homo saranno gli studenti del liceo scientifico Galilei di Ancona. Orari: sabato ore 15.30 – 18, domenica 9.30 – 12.30 e 15.30 – 18. Ingresso ridotto: 6 euro.

Orari della mostra Ecce Homo: domenica e festivi (25 aprile, 1 maggio e 4 maggio) dalle ore 10 alle 13 e dalle 16 alle 19. Chiuso: lunedì incluso il 24 aprile. Martedì e mercoledì su prenotazione per gruppi e scuole. Giovedì, venerdì, sabato dalle 16 alle 19. Orari del Museo Tattile Statale Omero (ingresso libero): domenica e festivi (25 aprile, 1 maggio e 4 maggio) ore 10 – 13 e 16 19. Chiuso: lunedì incluso il 24 aprile. Dal martedì al sabato ore 16 – 19.

Mostra multisensoriale, Bello e Accessibile nel Castello di Frontone (PU)

Un’esperienza unica cche coniuga arte e natura sarà invece possibile viverla nelle sale dello storico Castello di Frontone, baluardo delle verdi colline del Montefeltro (PU). Qui è ospitata, a cura della Cooperativa Sociale Opera, la mostra multisensoriale, Bello e Accessibile, ovvero la Sezione itinerante creata del Museo Tattile Statale Omero per veicolare una cultura senza barriere. Una mostra da vedere e toccare, con supporti in Braille anche per non vedenti, che espone 24 opere organizzate per temi tra cui il movimento, il corpo femminile, la guerra, la mimica del volto. Una mostra accessibile e godibile, da esplorare ad occhi chiusi e mani aperte con copie di arte antica, sculture originali di arte contemporanea e modellini architettonici come la “Dama col Mazzolino” (copia in gesso, Andrea Verrocchio, 1475), il modellino del Partenone, il marmo “Busto di Giovane” dello scultore cieco Felice Tagliaferri, il bronzo di Umberto Mastroianni “Ingranaggio”. Aperta nei giorni festivi e prefestivi la mostra ha registrato oltre 500 visitatori dal giorno dell’inaugurazione (18 marzo) tra scuole, turisti e gruppi organizzati.  Per i ponti del 25 aprile e 1 maggio è un’ottima occasione per unire arte, passeggiate all’aria aperta (Frontone sorge ai piedi del Monte Catria) e prelibatezza gastronomiche come la crescia e le tagliatelle al ragù.