Centro Pagina - cronaca e attualità

Ancona

I piccoli comuni marchigiani alla Conferenza nazionale

Sul tavolo la situazione dei paesi interessati dal sisma del Centro Italia e i fondi per le fusioni

mangialardi

ANCONA – Venerdì 5 luglio a Gornate Olona (Varese) si terrà la XIX Conferenza Nazionale piccoli Comuni, alla quale parteciperà anche il nuovo coordinamento marchigiano, eletto lo scorso 20 giugno ad Ancona, con Augusto Curti coordinatore regionale.

L’ordine del giorno della riunione dei presidenti delle Anci regionali prevede le comunicazioni del coordinatore nazionale, in vista dell’Assemblea congressuale Anci in programma ad Arezzo dal 19 al 21 novembre 2019.

Inoltre la discussione verterà sulla situazione dei Comuni interessati dal sisma del Centro Italia. La conferenza farà il punto sulle decisioni del governo che, nel riparto delle risorse per l’anno 2019, ha mantenuto stabile a poco più di 46 milioni di euro il fondo per le fusioni. «Le fusioni rappresentano una grande opportunità strategica per i piccoli e medi Comuni, sia per conseguire una governance efficiente che per fronteggiare la carenza di risorse finanziarie, problema ormai comune a tutti gli enti locali» ha detto Maurizio Mangialardi, sindaco di Senigallia e presidente di Anci Marche. «Occorre che l’esecutivo ripensi la scelta e adegui il fondo nazionale per le Unioni al fabbisogno complessivo, rispettando i patti presi con le realtà locali».