Centro Pagina - cronaca e attualità

Ancona

Pd in dirittura di arrivo sulle candidature, Italia Viva e socialisti verso lista unica

In lizza per il Partito Democratico nell'anconetano ci sono Mastrovincenzo, Bora, Lodolini, Sturani, Bellomaria, Carloni, Giangiacomi, Pellegrini e Gregorini

ANCONA – È pressoché definita la lista dei candidati in lizza con il Pd nella provincia di Ancona. Sono dunque pronti per la corsa alle urne “i magnifici 9”, anche se la lista dovrà passare il vaglio dell’assemblea regionale del partito che si terrà mercoledì 8 luglio. In pole c’è il presidente del Consiglio regionale Antonio Mastrovincenzo, capolista, poi in ordine alfabetico, Michela Bellomaria (di Cerretod’Esi), Manuela Bora (assessora regionale), Manuela Carloni (presidente regionale Auser), Mirella Giangiacomi (medico in pensione) , Stefania Gregorini (ex assessore di Trecastelli), Emanuele Lodolini (ex deputato), Mauro Pellegrini (assessore del Comune di Osimo) e Fabio Sturani (ex sindaco di Ancona). Sub iudice la candidatura della Giangiacomi che insieme a Sturani è il secondo nome in lista per la città di Ancona, mentre il regolamento del partito imporrebbe una sola candidatura. Insomma sarà l’assemblea a decidere se andare in deroga alla norma.

Antonio Mastrovincenzo, presidente Assemblea Legislativa delle Marche

«Siamo pronti per metterci al lavoro a sostegno di Maurizio Mangialardi – commenta Antonio Mastrovincenzo – abbiamo ottime possibilità di vincere la sfida elettorale perché abbiamo proposte concrete e contro ad ogni forma di estremismo rappresentata dalla destra. Metteremo il massimo impegno per ottenere un buon risultato».

Fabio Urbinati, consigliere regionale e capogruppo del Pd

Intanto Italia Viva e socialisti stanno lavorando ad una lista in comune. Ieri la visita del leader nazionale di Iv Matteo Renzi nelle Marche, a Recanati e ad Ascoli Piceno, dove ha assegnato i gradi a Francesco Fiordomo per il maceratese e a Fabio Urbinati per l’ascolano. «Stiamo lavorando con i socialisti, ci sono grande sintonia e obiettivi comuni» osserva Fabio Urbinati. Il consigliere regionale sulla visita di Renzi commenta: «C’era grande bisogno di riportare la politica nelle piazze e la nostra gente ha risposto alla grande».