Al Passetto le celebrazioni per la Festa della Liberazione (VIDEO)

Il sindaco Valeria Mancinelli, il prefetto Antonio D’Acunto, il comandante del Comando Scuole della Marina Militare Alberto Bianchi, il presidente del Consiglio regionale Antonio Mastrovincenzo e la presidente dell’Anpi Ancona Tamara Ferretti hanno reso onore ai Caduti deponendo le corone davanti al Monumento di Ancona

ANCONA – Al Monumento ai Caduti del Passetto le celebrazioni per il 74esimo anniversario della Festa della Liberazione. I gonfaloni sono schierati, ci sono le Forze Armate, associazioni combattentistiche, autorità civili e militari. La cerimonia di resa degli onori ai Caduti, a cura del Comando Scuole della Marina Militare si è aperta con l’Inno di Mameli; prima il Prefetto di Ancona Antonio D’Acunto ha passato in rassegna il picchetto d’onore.

La deposizione delle corone

Dopo la lettura della Preghiera dei Dispersi e dei Caduti e la benedizione del sacerdote, il sindaco Valeria Mancinelli, il Prefetto Antonio D’Acunto, il Comandante del Comando Scuole della Marina Militare Alberto Bianchi, il presidente del Consiglio regionale Antonio Mastrovincenzo e la presidente dell’Anpi Ancona Tamara Ferretti, hanno reso onore ai Caduti deponendo le corone davanti al Monumento.

Con il Tricolore in mano, numerosi cittadini e alcune scolaresche hanno assisto alla commemorazione che si è conclusa con la lettura del messaggio celebrativo da parte del Ministro della Difesa Elisabetta Trenta. La manifestazione è poi proseguita con il corteo che da piazza IV Novembre si è snodato lungo il Viale della Vittoria fino a raggiungere Piazza Cavour dove si sono susseguiti gli interventi del sindaco Mancinelli, di Daniel Fancello, presidente provinciale Anpi e di Guido Lorenzetti di Aned Milano.

Da sin: il Presidente del Consiglio Regionale Antonio Mastrovincenzo, Comandante del Comando Scuole della Marina Militare Alberto Bianchi, il Prefetto di Ancona Antonio DAcunto, il sindaco Valeria Mancinelli e Tamara Ferretti, presidente Anpi Ancona

Secondo il Presidente del Consiglio regionale, Mastrovincenzo: «Nessuno riuscirà a cancellare il 25 aprile, la festa della liberazione dell’Italia dal giogo nazifascista. Oggi è ancor più necessaria per difendere la Repubblica e le sue ragioni, per riaffermare i valori di democrazia e libertà, per evitare che quanto accaduto in passato debba ripetersi. In opposizione a chi ne minimizza il valore. Il fascismo è un fenomeno che prende forme diverse, ma sostanzialmente ha sempre la stessa natura. Continua a manifestarsi  nella violenza che spinge ad atti aggressivi contro libertà di pensiero, uguaglianza, dignità e diritti delle persone. Per questo credo che tutte le istituzioni debbano essere categoriche nel condannare ogni condotta che richiami quella ideologia aberrante, continuando a dare solennità a questa giornata, alla storia, alla memoria».

Come di consueto il 25 aprile alle 18, è in programma al teatro delle Muse il concerto dell’Orchestra Fiati di Ancona. Le celebrazioni per la Festa della Liberazione proseguono anche nel fine settimana. Domani, venerdì 26 aprile, alle 10, Commemorazione al Cimitero di Guerra degli Alleati a Passo Varano; sabato 27 aprile alle 10.30, celebrazione in piazza Ugo Bassi.