Centro Pagina - cronaca e attualità

Ancona

Parco Zoo Falconara riaperto al pubblico. E intanto arrivano nuovi «ospiti»

La struttura è tornata alla piena operatività. I visitatori dovranno osservare un rigido protocollo. Nel frattempo accoglie Sakè, cucciolo o cucciola (ancora non si sa) di scimmia saki. E non solo

Sakè, ultimo arrivato al Parco Zoo Falconara

FALCONARA – Ha resistito all’emergenza sanitaria e finalmente ha potuto riaprire le porte al proprio numeroso pubblico di visitatori da tutta la Regione: stiamo parlando del Parco Zoo Falconara che, da ieri, è tornato alla piena operatività. Registrando, tra l’altro, tante belle novità. Una, in particolare. L’arrivo di un nuovo cucciolo di scimmia saki dalla faccia bianca, chiamato Sakè. È figlio di Gino e Lynette, la coppia ospite della struttura falconarese da due anni. Ignoto al momento il sesso del piccolo, visto che vive aggrappato alle spalle della madre e bisognerà attendere ancora qualche settimana per conoscerlo con certezza.

Nel frattempo, dalle parti di Barcaglione, si respira grande entusiasmo per il restart di questa stagione 2021. Arrivato comunque in ritardo, a causa delle restrizioni legate all’emergenza Covid. Il Parco Zoo si è organizzato in maniera certosina, mettendo a punto un rigido protocollo che possa garantire sicurezza alle persone che vi accedono: previsti il divieto di assembramento, l’obbligo di mascherina e l’acquisto dei biglietti online la domenica e nei giorni festivi sul sito (www.parcozoofalconara.com, nella sezione apposita biglietteria).

Il giardino zoologico marchigiano rappresenta un fiore all’occhiello del turismo regionale e centro didattico di eccellenza per scuole e famiglie. Sarà aperto tutti i giorni, dalle 9 alle 19.30 (ultimo ingresso ore 18.30). E non vedeva proprio l’ora di riaprire, anche per mostrare alcune nuove specie. Ad esempio, da uno zoo tedesco, è arrivata una famiglia di cinque tamarini imperatore, composta dal papà e quattro figli. I nuovi ospiti, originari del Sud America, sono piccole scimmie dai lunghi e vistosi baffi bianchi. Oppure sono presenti anche quattro esemplari di spatola bianca, grande volatile dal piumaggio candido e l’originale becco appiattito e a forma di spatola, che condividono la voliera con l’ibis eremita, raro uccello migratore a rischio estinzione. Inoltre è stata allargata la famiglia dei rettili, con l’arrivo a Falconara di due pitoni verdi arboricoli. Animali da conoscere e scoprire con grande curiosità.