Centro Pagina - cronaca e attualità

Ancona

Operaio morto a Camerano: gravi carenze di sicurezza, si alza il numero degli indagati

Sono almeno cinque le persone iscritte sul fascicolo aperto dal pm Irene Bilotta per il decesso di Pasquale Marigliano, ucciso dalla pala di un escavatore nel cantiere del nuovo Inrca

Il cantiere a Camerano
Il cantiere a Camerano

CAMERANO – Almeno cinque gli indagati sulla morte dell’operaio avvenuta ieri all’interno del cantiere del nuovo Inrca e ospedale di Ancona sud, a Camerano. Li ha iscritti nel fascicolo aperto per omicidio colposo il pm Irene Bilotta che indaga sul decesso di Pasquale Marigliano, 49 anni, della provincia di Napoli.

Il bobcat con il corpo a terra, nel cantiere di Camerano
Il bobcat con il corpo a terra, nel cantiere di Camerano

Nelle prossime ore è attesa l’autopsia che sarà eseguita dalla Medicina legale dell’ospedale di Torrette. Effettuati  i primi accertamenti, trapela che ci sarebbero diverse violazioni in termini di sicurezza sul luogo del lavoro all’interno del cantiere che si trova lungo la direttissima del Conero. L’operaio indossava però il caschetto protettivo, ritrovato spaccato dopo che la pala di un escavatore guidato da un collega lo ha colpito.

Tra gli indagati c’è il collega che manovrava il bobcat, un albanese di 40 anni, e almeno altre quattro persone del cantiere. Saranno informate in vista dell’autopsia e potranno partecipare con un proprio consulente.